Perché ricordiamo poco o nulla dei nostri primi anni di vita? - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Perché ricordiamo poco o nulla dei…
Campeggio da sogno: ecco la tenda che ti permette di dormire sospeso tra gli alberi Questo ragazzo tedesco ha mollato TUTTO ed è volato in Kenia. La sua missione è esemplare

Perché ricordiamo poco o nulla dei nostri primi anni di vita?

6.791
Advertisement

Il giorno della vostra nascita, le prime parole, i primi passi... Ricordate tutto ciò? Se la vostra risposta è no, non temete, siete in buona compagnia. La maggior parte di noi non può ricordare nulla dei primi anni di vita. Ma come mai?

I neuroscienziati si dedicano allo studio di ciò che Freud chiamava "amnesia infantile" da anni ed hanno sviluppato diverse e valide teorie che spiegano perché è così difficile per noi recuperare i ricordi della nostra prima infanzia.

 

via: bbc.com

Lo psicologo tedesco Hermann Ebbinghaus è stato uno dei precursori degli studi sulla memoria

Con i suoi esperimenti Ebbinghaus dimostrò che iniziamo a dimenticare ciò che memorizziamo poco dopo averlo appreso (fenomeno della "curva dell'oblio") se non lo ripetiamo verbalmente.

Vari studiosi sostengono che i ricordi vengono sviluppati quando abbiamo imparato il potere della parola

"La lingua offre una struttura ai nostri ricordi, li organizza in forma narrativa", afferma Robyn Fivush, psicologo alla Emory University.

Advertisement

Altre teorie sostengono che la dimenticanza infantile faccia parte del naturale processo di sviluppo neurobiologico

Le ricerche hanno dimostrato che i neuroni vengono generati costantemente nella regione cerebrale dell'ippocampo, favorendo la formazione di nuove memorie. Il dato ha suggerito l'ipotesi che la continua integrazione di nuovi neuroni possa cambiare le connessioni cerebrali, destabilizzando le memorie più antiche. 

"Nei bambini l'ippocampo, che svolge un ruolo fondamentale nella memoria a lungo termine, è ancora poco sviluppato", spiega Jeffrey Fagen, studioso di memoria e apprendimento presso la St. John's University

E voi, avete ricordi della vostra primissima infanzia?

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie