Entriamo dentro l'inferno di Quezon, la prigione più affollata del mondo - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Entriamo dentro l'inferno di Quezon,…
Restaurano una casa di 160 anni senza stravolgerla: lasciatevi conquistare dal suo fascino Campeggiare... come un alieno: il fascino incantevole di un luogo unico nel suo genere

Entriamo dentro l'inferno di Quezon, la prigione più affollata del mondo

10.586
Advertisement

Il carcere di Quezon, nelle Filippine, è stato costruito 60 anni fa per ospitare un massimo di 800 persone, ma attualmente sono 3.800 i detenuti che vivono tra le sue mura fatiscenti, in condizioni disumane.

Lo racconta Raymund Narag, ex detenuto (innocente) di Quezon, che oggi si occupa di diritto penale presso la Southern Illinois University degli Stati Uniti ed è autore del libro autobiografico Freedom and Death Inside the Jail. Narag ha passato 7 anni in carcere, condannato ingiustamente per un omicidio che non aveva commesso. 

Nel suo libro racconta della vita nella prigione, di come sopravvivesse in una cella destinata ad accogliere 5 persone, ma che ne ospitava 30, della scarsa igiene, del regime alimentare insufficiente e malsano, raccontando di una crisi umanitaria a tutti gli effetti.

A Quezon i detenuti dormono per terra, a turno, perché non c'è abbastanza spazio per tutti

Advertisement

Le condizioni igieniche sono disumane e provocano la diffusione continua di infezioni

Allo stesso modo il cibo è malsano, il che obbliga spesso gli uomini ad astenersi dal mangiare

Advertisement

Le porzioni, oltretutto, sono scarse e la fornitura di acqua potabile è limitata

Advertisement

Il caldo è soffocante e la struttura è priva di sistemi di ventilazione

Advertisement

Ogni mese muoiono dai 2 ai 5 detenuti, a causa delle condizioni di vita che compromettono la loro salute fisica e mentale

(Nella foto: Raymund Narag)

Nessuna distinzione tra detenuti sani e malati, il che contribuisce alla diffusione delle malattie

Ovviamente non c'è nessuna privacy: i detenuti passano le giornate ammassati uno sull'altro

Per quanto in Italia il tasso di sovraffollamento non sia al livello di Quezon, i dati sono comunque drammatici

Secondo un rapporto ufficiale "Il tasso di sovraffollamento è del 106% in Italia e sono circa 3.950 le persone prive di un posto letto regolamentare": nettamente al di sotto dello standard minimo previsto dal Comitato europeo per la prevenzione della tortura.

Tags: WtfFotografia
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie