Il fotografo dello zar in viaggio nella Russia pre-rivoluzionaria: gli scatti a colori di un'epoca andata - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Il fotografo dello zar in viaggio nella…
7 idee che renderanno più facile la vita di ogni genitore Ricreano l'Arca di Noè secondo le dimensioni indicate nella Bibbia. Il risultato è epico

Il fotografo dello zar in viaggio nella Russia pre-rivoluzionaria: gli scatti a colori di un'epoca andata

11.666
Advertisement

Sergej Prokudin-Gorskij è stato uno dei fotografi russi più noti in patria. Egli non solo fu tra i primi ad applicare la tecnica della cromatografia ai suoi scatti, ma riuscì a documentare gli aspetti della cultura russa in un periodo di grande importanza storica: nato nel 1863 e morto nel 1944, Gorskij si ritrovò a vivere nel periodo di transizione da Russia imperiale a società industriale divenuta ormai Unione Sovietica (1922).

Nel 1909 un suo scatto di Lev Tolstoj giunse all'attenzione dello zar Nicola II il quale apprezzò tanto la sua tecnica che finanziò tutti i suoi viaggi alla scoperta delle più remote terre sotto il controllo imperiale. In questi scatti abbiamo raccolto le fotografie che documentano il periodo compreso tra la domenica di sangue (1905) e l'inizio della rivoluzione russa (1917).

1. Ritratto dell'emiro Alim Khan (1880-1944), capo dell'ormai inesistente stato islamico di Bukhara - 1990.

2. Mercante di Samarcanda - 1911.

Advertisement

3. Profilo di donna kirghiza o turkmena davanti all'ingresso di una yurta - 1907-1915.

4. Pinkhus Karlinskii, sorvegliante della chiusa del canale Volga-Baltico - 1909.

5. Operario delle ferrovie di stanza a Ust-Katav (Siberia occidentale) - 1910.

Advertisement

6. Un allevatore di cammelli turkmeno - 1905-1915.

7. Un capomastro cinese in posa di fronte a un campo di tè vicino a Batumi (attuale Georgia) - 1907-1915.

Advertisement

8. Un uomo di etnia tagika con la preda che ha appena catturato - 1911.

9. Un musulmano sunnita posa con gli abiti e il cappello tradizionali delle popolazioni dell'Asia Centrale - 1907-1915.

Advertisement

10. Coppia in posa nella zona del Gunibskij (attuale Daghestan) - 1907-1915.

11. Giovani contadine russe offrono bacche ai visitatori (Kirillov, Russia occidentale) - 1909.

12. Tre generazioni di operai: Andrej P. Kalganov fotografato insieme al figlio e alla nipote di fronte a uno stabilimento siderurgico (Zlatoust, Russia europea orientale) - 1910.

13. Il fotografo Prokudin-Gorskij (davanti a destra) fotografato insieme ad altri uomini mentre testano una ferrovia di nuova costruzione - 1915.

14. Detenuti controllati da un soldato russo guardano fuori dalla finestra della zindan, la prigione tipica dell'Asia Centrale dell'epoca - 1907-1915.

15. Ragazzi ebrei studiano i testi sacri nella città di Samarcanda - 1911.

immagine: Library of Congress>

16. Molte popolazione dell'Asia centrale erano (e sono tuttora) nomadi. Qui è fotografata una famiglia kazaka - 1911.

17. La migrazione dei russi verso le zone non europee dell'impero era molto incoraggiata: qui una famiglia proveniente dalla Russia sud-occidentale che si è appena trasferita a Mughan (Azerbaijan) - 1907-1915.

18. Una comunità greca a lavoro nella piantagione di tè di Chavka (Batumi, Georgia) - 1907-1915.

19. Monaci piantano patate nella terra strappata alla foresta nei pressi del lago Seliger (nord-ovest di Mosca) - 1910.

20. Operai e supervisori prima della gettata di cemento necessaria per la costruzione di una diga nei pressi del fiume Oka (sud-est di Mosca) - 1912.

21. Visitatori presso la fonte di acqua minerale Ekaterina (città di Borjomi, Georgia) - 1907-1915.

22. Contadini in pausa nei pressi di Čerepovec (Russia nord-occidentale) - 1909.

23. Una famiglia di minatori nei pressi di Ekaterinburg (regione degli Urali) - 1910.

24. Bambini in posa vicino a una chiesa nell'oblast' di Vologda, una regione nord-occidentale della Russia ricca di laghi - 1909.

La cromatografia usata da Gorskij li fa sembrare degli scatti molto più recenti, invece sono già passati più di cento anni!

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie