Ecco a voi la "Venezia dell'Africa": un quartiere nigeriano ai limiti della vivibilità - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Ecco a voi la "Venezia dell'Africa":…
Molte persone hanno decorato l'albero di Natale con i fiori. Il risultato? Oltre le aspettative! 25 gatti che sembrano fatti di ovatta: morirai dalla voglia di abbracciarli

Ecco a voi la "Venezia dell'Africa": un quartiere nigeriano ai limiti della vivibilità

5.437
Advertisement

Se qualcuno paragonasse un quartiere urbano alla città di Venezia, penseremmo subito ad una perla di bellezza e fascino. In questo caso però la realtà è totalmente opposta: infatti con "Venezia d'Africa" si indica un quartiere malfamato, il cui nome vero è Makoko, costituito da migliaia di baracche costruite sull'acqua, come nella laguna italiana. Si trova a Lagos, in Nigeria, ed è stato costruito 100 anni fa da pescatori che si trasferirono lì per via delle acque ricche di pesci.

Con il tempo la popolazione crebbe, il numero delle case aumentò e con esso anche il livello di inquinamento dell'acqua, da cui non si può più pescare nulla. Oggi vi abitano lavoratori immigrati provenienti da ogni parte dell'Africa occidentale, che vivono nella sporcizia e in condizioni di igiene assenti. Dell'originario quartiere rimane ben poco. 

via: dailymail

La popolazione di Makoko è gradualmente aumentata. Da un censimento non ufficiale risulta che oggi vi abitino tra le 150.000 e 250.000 persone.

Le case sono costruite con un legno molto resistente, sostenute da pilastri piantati sul fondo.

Advertisement

Ogni casa ospita tra le sei e le dieci persone che molto spesso vivono in affitto.

Le famiglie di Makoko vivono di pesca e raccolta del legno.

Questa canoa instabile è il mezzo di trasporto principale, usata anche per pescare e come negozio ambulante, da cui le donne vendono prodotti alimentari, acqua e detersivi.

Advertisement

Per decenni i residenti a Makoko non hanno potuto usufruire di acqua potabile, elettricità e un servizio di smaltimento dei rifiuti.

Possiedono "bagni" che sono delle vere e proprie latrine, ognuna condivisa in media con 15 famiglie. Non esiste un sistema fognario: le acque reflue, gli escrementi e i rifiuti finiscono nell'acqua della laguna.

Advertisement

L'odore che si respira è pestilenziale e gli abitanti presentano gravi problemi di salute.

L'unico modo per usufruire di acqua potabile è acquistarla dai venditori ambulanti, in quanto il governo non distribuisce loro l'acqua gratuitamente.

Advertisement

Esistono delle strutture in cui viene impartita un minimo di istruzione, sperando che un giorno molte persone possano uscire da quest'inferno.

Esistono pochissime scuole per le migliaia di persone che vivono a Makoko: una di queste è stata costruita con fusti di plastica riclata, finanziata dall'ONU e da una ONG tedesca.

Nel 2012 il governo ha abbattuto molte case galleggianti per motivi igienico sanitari.

Tuttavia molti abitanti sono convinti che il governo abbia sgomberato parte del quartiere dalle case, per venderle ad un prezzo molto elevato.

L'attenzione mediatica rivolta alle condizioni della famiglie che vivono nella Venezia d'Africa hanno spinto il governo a lanciare un piano che fornirà alloggio a 250.000 persone e 150.000 posti di lavoro.

Tags: NaturaAfrica
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie