Una donna fotografa bambini con la sindrome di Down in memoria della sorella scomparsa - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Una donna fotografa bambini con la sindrome…
Napoli - il salvataggio incredibile di un cucciolo di labrador caduto da un aliscafo Patate, parmigiano, aglio: questa ricetta squisita è di una semplicità imbarazzante

Una donna fotografa bambini con la sindrome di Down in memoria della sorella scomparsa

4.690
Advertisement

Queste immagini, ad opera della fotografa Julie Willson, hanno lo scopo di mostrare al mondo un nuovo volto della sindrome di Down.

Julie partorì questa idea dopo la morte della sorella Dina, affetta appunto da questa mutazione genetica, con la quale aveva vissuto degli anni bellissimi, definendo la sua nascita "uno degli eventi più belli che potessero accadere alla mia famiglia".

Nonostante i pregiudizi delle persone che vedevano in lei solo una bimba disabile, Dina era infatti una persona unica che ha vissuto una vita normalissima fatta di gioie, affetto ma anche sfide e dolori.

Queste immagini sono l'ultimo saluto di una sorella amorevole ma anche la rivendicazione coraggiosa di un nuovo concetto di "normalità".

La fotografa Julie Wilson dedica questo servizio alla sorella Dina, affetta da sindrome di Down.

Advertisement

Dina è venuta a mancare 4 anni prima, a causa di complicazioni al cuore.

La vita delle due sorelle è stata piena di gioia, nonostante sapessero che il cuore della ragazza fosse in condizioni critiche dalla nascita.

Grazie alle cure e all'amore della famiglia, Dina raddoppiò l'aspettativa di vita che avevano previsto i medici...

...trascorrendo una vita normale in una famiglia felice.

Grazie alla sua esperienza, Julie vuole impegnarsi per indurre la società a considerare in maniera nuova le persone affette da sindrome di Down...

...con la loro personalità unica ed esplosiva, piene di affetto da dare e ricevere.

Julie non vuole negare che avere un figlio "speciale" comporti all'inizio delle sfide, ma intende far capire che si può poi godere di una vita famigliare assolutamente normale.

Speriamo che il suo progetto possa aiutarci a costruire un nuovo approccio alla disabilità :-)

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie