Questo anello del XVII secolo si apre e diventa un curioso strumento usato nell'antichità per studiare il cielo - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Questo anello del XVII secolo si apre…
15 animali che hanno imparato a loro spese che è meglio non scherzare con le api Un sito ha

Questo anello del XVII secolo si apre e diventa un curioso strumento usato nell'antichità per studiare il cielo

05 Settembre 2020 • di Claudia Melucci
1.369
Advertisement

Fin dall'antichità, l'essere umano ha cercato di studiare quello spazio immenso che si priva sopra la sua testa e che mostrava un vagare di astri e altri corpi celesti. Per comprendere le leggi che regolavano il cielo, gli studiosi si sono forniti di modelli che li aiutassero a tenere traccia di alcuni eventi ricorrenti e prevederne altri.

Le sfere armillari sono uno strumento astronomico antichissimo che servivano proprio a questo: nel XVI e nel XVII secolo, però, vennero ridotte in miniatura e trasformate in anelli molto particolari, dal fascino ancora oggi innegabile.

immagine: British Museum

La sfera armillare si pensa sia stata inventata dallo studioso greco Eratostene, nel 255 a.C.: era un modello astronomico che rappresentava la sfera celeste. Queste sfere sono fatte di anelli in numero variabile, da 2 a 8, alcuni mobili e altri fissi: quelli fissi rappresentano l'orizzonte e il meridiano. 

immagine: British Museum

Gli anelli sono detti armille, da qui il nome delle sfere. Al centro della sfera di solito era posto un solido che rappresentava prima la Terra e dopo il Sole. Il movimento degli anelli serviva a studiare il moto dei corpi celesti. 

Advertisement
immagine: British Museum

Nel corso del XVI e del XVII secolo, le sfere armillari furono ridotte in miniatura da esperti gioiellieri, per farne di curiosi anelli. Quando indossate al dito, ovvero quando gli anelli erano richiusi in modo concentrico, le sfere apparivano come dei semplicissimi anelli. 

immagine: British Museum

Una volta aperti, però, i cerchi si mettevano in posizione rivelando un gioiello molto più complesso di un anello. Chi indossava questo tipo di anelli dichiarava in modo più o meno esplicito il suo status di persona colta. 

immagine: British Museum

Alcuni esemplari di queste sfere armillari in miniatura sono conservate al British Museum: sono fatti di un oro morbido di alta lega, per questo molto preziosi. 

Advertisement
immagine: British Museum

Alcuni pezzi sono "neutri", mentre altri sono finemente dettagliati con iscrizioni varie, tra cui i segni dello Zodiaco. 

Un oggetto il cui fascino è indiscutibile anche oggi!

Tags: ScienzaCuriosiStoria
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie