Una studentessa ha creato una pellicola biodegradabile da scarti di pesce che potrebbe sostituire la plastica - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Una studentessa ha creato una pellicola…
Questi scatti inquietanti dimostrano che la Natura sa come farci sentire piccoli e indifesi Riduce il suo stipendio del 90% per poter aumentare quello dei dipendenti: l'attività dell'azienda è triplicata

Una studentessa ha creato una pellicola biodegradabile da scarti di pesce che potrebbe sostituire la plastica

04 Settembre 2020 • di Simone Fabriziani
2.065
Advertisement

Da quando la plastica è stata introdotta nell'uso comune di tutti i giorni, è balzata progressivamente al top dei materiali non biodegradabili più inquinanti di sempre. L'uso e consumo della plastica nella vita quotidiana, sopratutto per quanto riguarda gli imballaggi, è una delle cause principali dell'inquinamento dei mari, degli oceani, dei fiumi e dei laghi. Possibile che non esista un'alternativa valida e biodegradabile al materiale plastico?

Lucy Hughes, una designer di grande talento, ha vinto recentemente il James Dyson Award grazie alla sua geniale invenzione: il MarinaTex, un tessuto dalle caratteristiche simili a quelle della plastica, una vera e propria pellicola trasparente, compatta, resistente che può essere usate negli imballaggi degli alimenti e in altri prodotti.

Privo di sostanze chimiche, il MarinaTex è compostabile e si degrada completamente in natura nel giro di circa 6 settimane!

Lucy Hughes, un studentessa molto brillante del Sussex, ha avuto questa idea geniale facendo visita ad un vicino impianto per la lavorazione del pesce; lì, ha scoperto ed analizzato che nel processo veniva coinvolta fin troppa plastica per gli imballaggi, che poi in grande percentuale sarebbe finita negli oceani o nei corsi d'acqua.

Lucy ha così deciso di agire, e da quella prodigiosa visita al'impianto per la lavorazione del pesce, ha realizzato MarinaTex, una pellicola biodegradabile, resistente e compatta creata a partire dagli scarti del pesce.

Advertisement

Certo, per Lucy ci sono voluti più di 100 esperimenti prima di trovare la composizione adatta a questo nuovo materiale, ma il risultato finale è stato veramente sorprendente. Lucy ha affermato: " Gli scarti di un singolo merluzzo dell'Atlantico sono sufficienti per produrre 1.400 sacchi di nuovo materiale!"

E noi ne siamo pienamente convinti, tanto che l'idea alternativa e assolutamente sostenibile di questa brillante designer britannica potrebbe aprire a nuovi orizzonti nelle tecniche di imballaggio dei prodotti e nell'abbattimento dell'uso della plastica nell'ambiente.

Source:
  • https://www.marinatex.co.uk/
  • https://www.theguardian.com/world/2019/sep/19/scaling-back-graduate-invents-plastic-alternative-from-fish-waste
  • https://www.smithsonianmag.com/innovation/bioplastic-made-from-fish-scales-just-won-james-dyson-award-180973550/
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie