Se incontrate un cervo volante, non uccidetelo: questo coleottero con le mandibole dentate è a rischio estinzione - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Se incontrate un cervo volante, non…
12 gatti che hanno mostrato gli artigli ricordando ai loro umani che dietro gli occhi dolci si nasconde un predatore 15 foto che ci ricordano come i nostri nonni siano cresciuti sani e salvi senza internet e senza giocattoli alla moda

Se incontrate un cervo volante, non uccidetelo: questo coleottero con le mandibole dentate è a rischio estinzione

17 Luglio 2020 • di Simone Fabriziani
10.256
Advertisement

Se ne vedete uno in giro, o se lo incontrate casualmente a distanza piuttosto ravvicinata, non spaventatevi troppo, e sopratutto, non uccideteli: i cervi volanti sono degli insetti di certo dalla forma piuttosto intimidatoria e spaventevole a prima vista, eppure vi assicuriamo che sono non soltanto innocui per noi esseri umani, ma svolgono una funzione importante nell'ecosistema che abitano solitamente. Per questo e altri motivi, non trattateli come insetti comuni.

Il cervo volante (Lucanus cervus) solitamente popola ambienti urbani e boschi di latifoglie durante il periodo estivo, dopo un lungo periodo di stadio larvale in autunno ed inverno. Il cervo volante è considerato il coleottero più grande dell'area europea, facilmente riconoscibile per la sua forma, il suo volo lento e piuttosto rumoroso e le proverbiali mandibole dentate.

Sia gli esemplari maschi che quelli femminili di cervo volante possiedono queste mandibole dentate che li rendono particolarmente caratteristici alla vista; i maschi le hanno più pronunciate rispetto alle femmine, perché spesso le usano per rivaleggiare con gli altri maschi della loro specie; sempre per quanto riguarda questi esemplari, possono raggiungere anche gli 8 centimetri di lunghezza.

Advertisement

I cervi volanti non solo sono innocui per l'essere umano, ma sono anche utili per l'eco-sistema; quando sono ancora in uno stato larvale, si cibano di legno in decomposizione, producendo così humus ricchissimo di molte sostanze nutritive; una volta raggiunto lo stadio adulto, in estate, i cervi invece si cibano di sostanze prevalentemente zuccherine, come ad esempio la linfa degli alberi in frutto.

Proprio perché il loro habitat naturale è molto spesso quello dei boschi di latifoglie, la deforestazione e le attività umane aumentate stanno facendo sì che anche questo coleottero sia a rischio di estinzione, pertanto è sempre ideale non intaccare il processo naturale della decomposizione del legno degli alberi boschivi: è un cibo ricco di nutrienti per il cervo volante.

Nonostante il suo aspetto e le sue mandibole pronunciate quindi, la prossima volta che ne incontrate uno, non allontanatelo in malo modo, e soprattutto, non uccidetelo: è straordinariamente prezioso per i processi naturali dell'eco-sistema in cui vivono e che contribuiscono a mantenere rigoglioso.

Tags: AnimaliCuriosiNatura
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie