Madam CJ Walker è la prima donna afroamericana milionaria: diventò ricca grazie alle sue sole forze - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Madam CJ Walker è la prima donna afroamericana…
I proprietari non capivano perché il loro Labrador stava diventando bianco, poi hanno scoperto che ha la vitiligine 12 foto di hotel che hanno sorpreso gli ospiti con dettagli ai limiti dell'assurdo

Madam CJ Walker è la prima donna afroamericana milionaria: diventò ricca grazie alle sue sole forze

12 Giugno 2020 • di Marta Mastrogiovanni
4.629
Advertisement

"Sono una donna che viene dai campi di cotone del Sud. Da lì sono stata promossa a lavandaia. Da lì sono stata promossa a cuoca. E da lì mi sono promossa da sola ideando e realizzando prodotti per capelli. Ho costruito la mia attività sulle mie stesse basi": sono queste le parole che usa Sarah Breedlove Walker, ovvero Madam CJ Walker, per descrivere la sua ascesa verso il successo. Potrebbe sembrare una storia di rivalsa qualsiasi, se non fosse che Sarah Walker nacque da una famiglia di colore poverissima, soltanto qualche anno dopo la formale abolizione della schiavitù. Sarah Breedlove Walker è stata la prima donna afroamericana a diventare ricca, grazie alle sue stesse forze. Oggi, così come allora, viene considerata un esempio virtuoso da emulare, perché non è riuscita soltanto a cambiare la sua vita, ma anche quella di tante altre donne.

via: Wikipedia
immagine: Wikipedia

Per Sarah Breedlove Walker la vita non è stata facile: nata nel 1867, appena 3 anni dopo l'abolizione formale della schiavitù da parte del Presidente americano Abramo Lincoln, è tra i pochi individui nati "liberi" all'interno della sua famiglia. Ciò nonostante, le condizioni di estrema povertà non le consentono alcun tipo di libertà e, ben presto, inizia a lavorare nei campi di cotone a Delta, il piccolo villaggio della Louisiana dove viveva in una casa fatiscente. Come se non bastasse, ad aggravare la situazione di fame e miseria di Sarah, si aggiunge il fatto che i suoi genitori muoiono entrambi a poca distanza l'uno dall'altra, lasciandola sola all'età di 7 anni. Costretta dagli eventi, Sarah va a vivere con la sorella maggiore che, però, è sposata con un individuo ignobile che la maltratta e non si fa scrupoli a maltrattare anche la piccola Sarah. L'unica via di fuga apparente per Sarah era il matrimonio, così all'età di 14 anni si sposa e a 17 partorisce sua figlia Leila. A 20 è già vedova.

immagine: Wikipedia

Sola, con una bambina piccola, in uno Stato in cui gli afroamericani venivano perseguitati, Sarah deve rimboccarsi le maniche. Raggiunge i suoi fratelli barbieri a Saint Louis, nel Missouri, fiduciosa nelle opportunità delle "grandi città". Qui, ha l'occasione di frequentare la Chiesa episcopale metodista africana di St.Paul, grazie alla quale frequenta un programma di alfabetizzazione e riesce a lasciare la figlia in custodia, mentre svolge faticosi lavori di domestica nelle case dei ricchi bianchi. Nel 1894 sposa John Davis, ignara del fatto anche quell'uomo era abituato alla violenza: da ubriaco (cioè sempre) alzava le mani sulla moglie e poi giocava d'azzardo con i soldi di Sarah. Nel 1903 la donna si separa e prosegue per la sua strada, perseguendo ciò che vedeva le riusciva meglio: la cura dei capelli.

All'epoca, a causa della scarsa igiene, l'alimentazione inadeguata e i prodotti troppo aggressivi, erano tante le donne che soffrivano di calvizie. Sarah, grazie all'aiuto dei fratelli e ad una nuova importante conoscenza (Annie Malone) riesce davvero a dare una svolta alla sua vita.

Advertisement
immagine: Wikimedia

La sua amica Annie Malone aveva un'azienda, la Poro, che produce shampoo e creme per capelli; Sarah inizia a vendere porta a porta i suoi prodotti, sperimentando nel suo privato nuove formule. Quando poi si trasferisce a Denver, nel 195, incontra una farmacista che le dà qualche nozione di chimica e riesce autonomamente a sviluppare un prodotto che promette grandi risultati contro la forfora e la caduta dei capelli. Si tratta di una miscela di zolfo e vasellina, in realtà, già nota da tempo, ma la sua "amica" Annie Malone si infuria credendo che Sarah le abbia rubata la "formula vincente". Nel 1906 Sarah sposa Charles Walker, un esperto di pubblicità, insieme al quale fa decollare il suo sogno di business. Insieme girano tutti gli Stati per vendere porta a porta i miracolosi prodotti, finché Sarah inizia a farsi chiamare Madam CJ Walker e ad insegnare nozioni di igiene di base alle donne afroamericane. Apre un salone di bellezza e recluta migliaia di donne di colore a cui insegna il rispetto per il lavoro e i precetti base della cura per i capelli.

Madam CJ Walker, come si fa chiamare, ha insegnato a più di 20.000 donne cosa significa essere indipendenti e ha contribuito economicamente alla causa dei neri con cospicue offerte in denaro ad innumerevoli associazioni per l'emancipazione dei neri e a sostegno dei loro diritti. Madam CJ Walker è considerata la prima afroamericana milionaria (il suo patrimonio, alla morte, ammontava a circa seicentomila dollari!) ed è entrata a far parte della lista dei cento afroamericani più importanti della storia.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie