Forte ondata di calore in Siberia: in questa cittadina la massima è di 25 °C, ma di solito è 0° C - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Forte ondata di calore in Siberia: in…
Australia, nasce il primo cucciolo di koala dopo i devastanti incendi del 2019: una speranza per il futuro Una piattaforma galleggiante che produce energia da onde, vento e sole: il progetto di una startup tedesca

Forte ondata di calore in Siberia: in questa cittadina la massima è di 25 °C, ma di solito è 0° C

28 Maggio 2020 • di Marta Mastrogiovanni
1.013
Advertisement

Il 22 maggio 2020 i termometri di Chatanga, città della Siberia, segnavano i 25.4 C° ― una temperatura mai vista prima, che ha superato addirittura il record di una precedente temperatura sempre molto elevata per la zona (20.4° C). Solitamente, durante il mese di maggio, la massima è di 0° C. A dare la notizia è la Direzione Generale Industria della Difesa e Spazio dell'Unione Europea su Twitter. Nonostante la Siberia sia piuttosto nota per le sue drastiche oscillazioni di temperature, un'ondata di calore come questa, che sta coinvolgendo anche la Groenlandia, è davvero senza precedenti.

Gli sbalzi importanti di temperatura in questa regione non sono certo una novità per questo 2020 che, sin da gennaio, ci ha messo di fronte ad una temperatura media di 3°C. In tutta la Russia si può dire che l'inverno 2019/2020 sia stato completamente inesistente, e le temperature medie hanno sfiorato i 6°C. Un'anomalia così importante non si era mai verificata nel Paese. 

Zack Labe, ricercatore in cambiamenti climatici dell'Università della California, non se l'aspettava: "la persistenza e l'entità del calore sulla regione, quest'anno, è stata sorprendente", ha dichiaratolo studioso.

Ora la Russia attende quella che potrebbe essere l'estate più calda mai registrata fino a questo momento

immagine: Needpix

Considerando che questi dati sono stati raccolti prima dell'arrivo dell'estate, non vogliamo immaginare cosa avverrà durante il periodo più caldo dell'anno. Inoltre, si prevede una stagione degli incendi molto più distruttiva di quella del 2019, quando i roghi interessarono anche la Groenlandia, il Canada e l'Alaska.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie