Un fotografo riesce a catturare uno degli scatti più nitidi della Luna, combinando le varie fasi in una sola foto - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Un fotografo riesce a catturare uno…
9 brillanti soluzioni per trasformare con stile ed eleganza gli angoli più trascurati della casa Usa: arriva il calabrone gigante asiatico, capace di sterminare interi alveari di api in poche ore

Un fotografo riesce a catturare uno degli scatti più nitidi della Luna, combinando le varie fasi in una sola foto

06 Maggio 2020 • di Lorenzo Mattia Nespoli
10.592
Advertisement

La tecnologia attuale è arrivata a livelli tali da restituirci immagini e scene che, appena qualche anno fa, sarebbero state semplicemente impensabili. Ce ne accorgiamo quando ci troviamo di fronte, per esempio, a scatti fotografici così sensazionali da farci conoscere sotto un'altra luce, tutta nuova, dettagli ed elementi che fino a quel momento ignoravamo.

Pensate alle fotografie spaziali: telescopi, tecniche e strumenti di cui oggi disponiamo hanno raggiunto livelli di accuratezza così elevati da restituirci immagini a dir poco sensazionali. Come quelle "confezionate" dal fotografo Andrew McCarthy, che alla potenza della sua strumentazione ha unito il suo grande ingegno, oltre che tanta pazienza. Il risultato? Immagini dei crateri lunari fra le più dettagliate mai viste, combinate insieme in un modo davvero singolare.

Per due settimane, il ragazzo ha collezionato migliaia di immagini della Luna crescente. Man mano che passavano i giorni, sempre più porzioni del nostro satellite continuavano a essere visibili, finché non è stato pieno. Combinando assieme tutte le immagini, mappandole e allineandole, ha ottenuto il risultato che ha mostrato al mondo. 

La superficie lunare è mostrata con un'incredibile nitidezza, e così tutti i suoi innumerevoli crateri. Un'accuratezza che è stata possibile grazie all'abile lavoro di combinazione fra le immagini, a cui Andrew ha restituito chiarezza e contrasto agendo sulla linea dove la luce incontra l'oscurità (il "terminatore"). Normalmente, infatti, i crateri lunari visibili dalla Terra sono molti meno di quelli mostrati nelle immagini di McCarthy, ed è proprio questo che le rende incredibili.

Un lavoro che, per stessa ammissione del fotografo, è stato "estenuante" ma che, di sicuro, ha dato i suoi evidenti e affascinanti risultati. Del resto, scoprire nuovi aspetti dello spazio e dei corpi celesti che ci circondano è una cosa che, da sempre, ha generato curiosità e attenzione. In questo la Luna, con i suoi lati chiari e scuri, gioca un ruolo particolarmente speciale.

Advertisement
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie