Qasr al-Farid, l'antichissima tomba scavata nella roccia che appare nel bel mezzo del deserto - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Qasr al-Farid, l'antichissima tomba…
Durante un'immersione una ragazza incontra e filma un rarissimo esemplare di razza aquila ornata Una ragazza realizza in casa macarons dalle forme più fantasiose: la cura per il dettaglio è impressionante

Qasr al-Farid, l'antichissima tomba scavata nella roccia che appare nel bel mezzo del deserto

05 Maggio 2020 • di Claudia Melucci
1.909
Advertisement

A tutti è ben nota la città di Petra, in Giordania, scavata in modo così raffinato nella roccia tanto da essere stata dichiarata una delle sette meraviglie del mondo moderno, la seconda per la precisione. Petra è stata costruita dai Nabatei, un popolo nomade arabo che seppe conquistarsi un ruolo cruciale nel commercio del Medio Oriente del II secolo dopo Cristo. I Nabatei sono gli autori di altre meraviglie oltre alla bellissima Petra, per la maggior parte ricavate in blocchi di roccia preesistenti. Tra queste c'è Qasr al-Farid, che in arabo significa "castello solitario": in effetti, la mastodontica tomba ricavata in un monolite sembra un castello errante nell'arido paesaggio desertico del nord dell'Arabia Saudita. 

Qasr al-Farid è una tomba ricavata in una roccia, costruita dal popolo dei Nabatei nel I secolo d.C.. La sua particolarità è quella di ergersi nel bel mezzo di un panorama arido e "vuoto" come può essere quello di alcune aree dell'Arabia Saudita. Tutto ci si aspetterebbe dal deserto, fuorché presentarci davanti gli occhi una facciata che non ha nulla a che invidiare alle chiese e ai templi del mondo classico. 

La facciata mostra in tutto il loro splendore le rifiniture e i dettagli con cui i Nabatei hanno adornato quella che doveva essere l'entrata principale alla tomba. Ma è ruotando tutt'intorno all'edificio-pietra che si scoprono gli scorci più curiosi.

La tomba di Qasr al-Farid è rimasta incompiuta e lo si capisce anche dal confine netto tra roccia "grezza" e monumento: sembra come se l'edificio stesse uscendo dal monolite, o se la roccia tentasse invano di inghiottire questa perla di cultura e architettura. 

Advertisement

I Nabatei hanno realizzato altri monumenti simili: si contano circa 93 tombe monumentali scavate nella roccia. Nonostante l'epoca di costruzione (I secolo d.C.), il castello solitario si è conservato in maniera straordinaria nei secoli: merito del clima arido e povero di piogge, che scalfisce pochissimo la roccia di cui è fatto.

Un luogo impregnato di storia, culto e mistero che esercita un fascino esclusivo! 

Tags: ViaggiStoriaLuoghi
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie