Coronavirus, il vicepresidente della Croce Rossa cinese rimprovera gli italiani: «Troppa gente in giro» - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Coronavirus, il vicepresidente della…
Covid-19, l'inquinamento dell'aria può agevolare la diffusione del virus: lo confermano gli studi Coronavirus: il tasso di mortalità così alto in Italia potrebbe essere dovuto all'anzianità media della sua popolazione

Coronavirus, il vicepresidente della Croce Rossa cinese rimprovera gli italiani: «Troppa gente in giro»

19 Marzo 2020 • di Marco Renzi
51.174
Advertisement

Durante una diretta streaming di giovedì 19 marzo il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana ha riportato alcune dichiarazioni di Sun ShuopengVicepresidente della Croce Rossa cinese, che ha espresso alcuni pareri sulla situazione che ha avuto modo di osservare nel nostro Paese.

Il suo responso, per molti non sarà una sorpresa, non è stato molto positivo: ci sono ancora troppe persone per le strade, troppe che svolgono la loro vita senza rendersi conto della pericolosità del momento che si sta attraversando.

Il vicepresidente, che ha avuto modo di visitare alcune città del nord come Padova, ha concentrato le sue considerazioni sulla metropoli di Milano, nella quale avrebbe notato molti comportamenti secondo lui inspiegabili.

Persone che si spostano senza mascherine, usano normalmente il  trasporto pubblico e girano per strada con disinvoltura: tutti comportamenti secondo lui ad alto rischio, che non fanno altro che diffondere il virus e gravare su un sistema sanitario già in ginocchio.

Nella città di Wuhan è stato necessario un mese di quarantena serrata per permettere agli ospedali di alleggerirsi e curare le persone affette con tutti i mezzi necessari, e secondo Sun Shuopeng in Italia le policy sono ancora troppo blande.

Ogni persona dovrebbe rendersi conto che serve la collaborazione di tutti: l'azione del personale sanitario non dà frutti se non è supportata da quella dei cittadini, che sono responsabili in prima persona. Ognuno secondo il Vicepresidente, deve fare la sua parte, e sono necessarie secondo lui misure più stringenti per convincere tutti che è arrivato il momento di prendersi le proprie responsabilità.

Tags: SaluteAttualità
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie