La Sindrome di Wendy: quando la disponibilità verso gli altri è così forte da diventare una malattia - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
La Sindrome di Wendy: quando la disponibilità…
10 cani che sono stati protagonisti di Alba, l'unica orangutan albina conosciuta al mondo, è in buona salute nella foresta a un anno dal suo rilascio

La Sindrome di Wendy: quando la disponibilità verso gli altri è così forte da diventare una malattia

08 Marzo 2020 • di Marta Mastrogiovanni
1.998
Advertisement

Se la Sindrome di Peter Pan colpisce quelle persone, soprattutto uomini, perennemente immature e con la paura di invecchiare, la Sindrome di Wendy miete a sua volta altre "vittime". Ricordate i due personaggi letterari creati dalla mente di James Matthew Barrie? A differenziare i loro caratteri vi era un indicatore fondamentale: il senso di responsabilità, troppo spiccato in Wendy e completamente assente in Peter. La Sindrome di Wendy colpisce proprio quelle persone con un senso di responsabilità troppo marcato, che nascondono altri problemi dietro un atteggiamento apparentemente premuroso, ma che se osservato più attentamente risulta estremo. Questo tipo di patologia colpisce uomini e donne indistintamente, anche se si tende a collegarla sempre al partner femminile all'interno di una coppia. 

immagine: Disney

A parlarne la prima volta furono Carolyn Quadrio in un articolo intitolato "The Peter Pan and Wendy syndrome" e lo psicologo Dan Kiley, che scrisse "The Peter Pan Syndrome: Men who have never grown up" e "The Wendy Dilemma: When Women Stop Mothering Their Men".

Come riconoscere la Sindrome di Wendy? Chi ne "soffre" tende a risultare particolarmente disponibile verso gli altri; ha sempre un atteggiamento pacato e servizievole, che non lascia mai spazio a momenti di rabbia o irritazione, nonostante queste emozioni siano chiaramente provate dalla "Wendy di turno". Il problema di queste persone, infatti, è che tendono a sopprimere quei sentimenti "negativi" che a loro avviso li renderebbero meno amabili. Da qui deriva facilmente la riflessione secondo cui chi soffre della Sindrome di Wendy ha sostanzialmente una bassa considerazione di sé stesso e poca autostima. Per queste persone sembra sempre necessario guadagnarsi l'affetto altrui, donandosi in maniera incondizionato verso il partner, ad esempio ― solo così ritengono di poter ricevere in cambio amore e affetto. Un comportamento influenzato, probabilmente, dalla paura di rimanere soli.

immagine: Pexels

Come i due fantasiosi personaggi, anche nella realtà chi soffre della Sindrome di Wendy tenderà ad attirare soggetti immaturi, che non hanno alcuna voglia di prendersi delle responsabilità. Parlando di rapporti di coppia, le Wendy in questione credono di poter esercitare un controllo sul loro partner "Peter", rendendosi indispensabili per questi soggetti. Un atteggiamento che finisce inevitabilmente per diventare opprimente, costringendo il partner alla ritirata. Tutte le Wendy sulla Terra tendono a rinunciare ai propri desideri per esaudire quelli degli altri, non capendo che un po' di sano egoismo, a volte, è la scelta migliore.

Saper dire di no, dedicarsi ai propri hobby, imparare a chiedere e non rimandare mai i propri desideri ― sono alcuni consigli importanti da tenere a mente per cercare di uscire da questa condizione.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie