Una potente foto mostra la reazione di un bimbo disabile nel vedere sulla pubblicità un bambino in carrozzella come lui - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Una potente foto mostra la reazione…
Grazie alla raccolta dei tappi di plastica, un'associazione è riuscita a comprare 36 carrozzine e 2 climatizzatori Remos, la capra dall'aspetto così fascinoso da sembrare quasi una pop-star

Una potente foto mostra la reazione di un bimbo disabile nel vedere sulla pubblicità un bambino in carrozzella come lui

19 Febbraio 2020 • di Lorenzo Mattia Nespoli
3.907
Advertisement

Essere inclusivi è un atteggiamento quantomai necessario: per molte persone, nonostante tutto, è difficile sentirsi rappresentate o alla pari con gli altri. Pensiamo ad esempio a chi è affetto da disabilità fisiche, o comunque motorie: non è così scontato che venga trattato come tutti. E ciò passa, prima di ogni altra cosa, anche dai messaggi e dalle situazioni che giorno dopo giorno ci troviamo davanti.

Essere in un grande magazzino e vedere un'immagine pubblicitaria che ha per protagonista un bimbo sulla sedia a rotelle non è certo comune. Tuttavia, è quello che, in maniera decisamente encomiabile, ha pensato di fare la catena statunitense Target, fornendo lo spunto per una foto che ha fatto il giro del web.

Thank you Target! 🎯😀👏 Today Oliver stopped me dead in his tracks and turned back around to see this picture that he...

Pubblicato da Ollie's World su Martedì 4 febbraio 2020

L'immagine in questione è un vero inno alla rappresentazione delle minoranze. Già, perché essere ignorato o poco rappresentato in società significa, purtroppo spesso, far parte di una minoranza. Per fortuna, però, questi concetti cominciano a essere assimilati anche dalle grandi aziende, che a volte danno segnali di positivo cambiamento.

Quando una mamma, su Facebook, ha condiviso la foto del suo bambino di 2 anni affascinato da una pubblicità presente in un punto vendita Target dell'Arizona, ha suscitato un intenso dibattito sull'inclusività. Oliver è affetto da una sindrome di regressione caudale, che ne ha compromesso lo sviluppo della metà inferiore del corpo. Per questo, deve usare una sedia a rotelle per spostarsi. Sia il piccolo che la famiglia sanno già che, per lui, la vita non sarà facile.

Camminare, correre, saltare e giocare come fanno gli altri bambini, per Oliver, sono cose impossibili. Ma quando su quella parete del grande magazzino ha visto che c'era un bambino in sedia a rotelle, si è sentito finalmente un po' più simile agli altri. Raccontando l'episodio a Good Morning America, Demi, la mamma di Oliver, ha detto che lo sguardo del suo bimbo era inequivocabile, tanto era stupito e positivamente colpito.

Advertisement

I forget how small you are when everything you do is so big! 💪

Pubblicato da Ollie's World su Domenica 19 gennaio 2020

In quel reparto di abbigliamento, durante una normale uscita di routine, Oliver è stato rappresentato. Il piccolo vede bambini intorno a sé tutti i giorni, ma i suoi coetanei non sono mai come lui. Ecco perché è stata una gradita sorpresa trovarsene davanti uno in un luogo pubblico e affollato. 

Il post di Demi è diventato rapidamente virale sui social, tanto da raggiungere anche l'attenzione della mamma di Colton, il bimbo protagonista della pubblicità. L'auspicio è che un episodio del genere possa ricordare alle grandi imprese che è necessario dedicare spazi e visibilità anche a chi, magari per un mero fattore estetico o peggio economico, non si vuole rappresentare. Solo così potremo garantire un po' di fiducia e serenità in più anche a chi, suo malgrado, vive tra mille difficoltà.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie