In Romania, questo "Cimitero Allegro" ricorda i defunti con colori vivaci, poesie ironiche e dipinti stilizzati - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
In Romania, questo "Cimitero Allegro"…
Le 6 piante aromatiche che puoi far crescere in acqua tutto l'anno sul davanzale della tua cucina Questo esemplare di bruco sembra avere sul dorso tanti piccoli pinguini in fila con le ali spalancate

In Romania, questo "Cimitero Allegro" ricorda i defunti con colori vivaci, poesie ironiche e dipinti stilizzati

20 Febbraio 2020 • di Lorenzo Mattia Nespoli
2.920
Advertisement

A chiunque, pensando a un cimitero, viene certo in mente un luogo allegro, colorato, in cui poter addirittura lasciarsi andare a un sorriso. Del resto, in questi posti sono sepolti i defunti, spesso nostri parenti o conoscenti dei quali andiamo, di tanto in tanto, a onorare il ricordo.

E spesso è proprio questo ricordo a metterci tristezza, magari perché ne ricordiamo qualità e positività che, purtroppo, non ci sono più. Eppure, al mondo esiste un cimitero in cui recarsi è un vero divertimento, che supera qualsiasi grigiore, solennità e atmosfera cupa che di solito regna in luoghi così. Si trova in Romania, e non è un caso che si chiami "Cimitero che ride".

immagine: Pixi/Wikimedia

Tombe monocolore, frasi commoventi sulle lapidi, atmosfere che restituiscono un senso di assoluta tristezza: tutti, in un cimitero, siamo stati a contatto con situazioni del genere. Al Cimitirul Vesel, però, si respira tutta un'altra aria. Certo: i defunti ci sono per davvero, ma in questo piccolo camposanto del paese di Săpânţa, in Transilvania, sono ricordati in un modo davvero particolare.

Ogni tomba, infatti, è scolpita e dipinta con scene di vita della persona che vi è sepolta; i colori sono allegri e le figure stilizzate, quasi a mo' di caricature. Il tutto è accompagnato da frasi e poemi umoristici che descrivono aneddoti del defunto di turno. Proprio così: i morti del Cimitirul Vesel sono stati, proprio come tutti, persone, con i loro pregi, i loro difetti, le loro abitudini e le loro manie.

immagine: Paf/Wikimedia

Così, ben oltre qualsiasi "idealizzazione" che spesso si fa quando muore una persona, dimenticandone difetti o circostanze particolari, in questo originale camposanto possiamo leggere frasi come "sotto questa croce giace la mia povera suocera. Cercate di non svegliarla, perché, se torna a casa, morderà la mia testa". Oppure: "la grappa è un veleno puro, che porta pianto e tormento. Anche a me li ha portati, e mi ha messo la morte sotto i piedi".

Insomma: dettagli e battute che di certo non ci aspetteremmo in un cimitero. Tanto meno ci si aspetterebbe, entrando in un luogo come questo, un colpo d'occhio pieno di colori sgargianti e scene dipinte. L'artista, poeta e falegname Stan Ioan Pătraş, che ha creato il cimitero nella prima metà del Novecento, non esitò a descrivere nel bene e nel male, con pochi versi, la vita dei suoi compaesani defunti.

Advertisement
immagine: Aw58/Wikimedia

E, se ad alcuni un cimitero come questo può sembrare stravagante, magari offensivo, è bene ricordarsi che, per le antichissime popolazioni tribali della Dacia, la morte era un modo per accedere alla felicità eterna, dunque un momento tutt'altro che cupo e triste. Quindi: perché non tingerlo di giallo, blu, rosso, verde e "condire" il tutto con aneddoti, scene dipinte, poesie divertenti e auto-ironiche? Al Cimitirul Vesel si può, e il risultato è un luogo che fa dimenticare, almeno per un po', la tristezza di una perdita.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie