Diego: la tartaruga gigante padre di circa 800 figli, grazie ai quali ha salvato la sua specie - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Diego: la tartaruga gigante padre di…
Infarto: una ricerca italiana rivela la Australia: gli elicotteri lasciano cadere tonnellate di carote e patate per gli animali affamati sfuggiti alle fiamme

Diego: la tartaruga gigante padre di circa 800 figli, grazie ai quali ha salvato la sua specie

13 Gennaio 2020 • di Lorenzo Mattia Nespoli
13.224
Advertisement

Al mondo esistono animali davvero speciali. E non sono soltanto le loro caratteristiche fisiche e comportamentali a confermarcelo, quanto ciò che simboleggiano per la natura e per la specie di cui fanno parte. È il caso di Diego, una tartaruga gigante che, a oltre 100 anni di età, ha dato un contributo fondamentale alla sopravvivenza dei suoi simili. 

Il suo regalo? Aver favorito il ripopolamento dei Chelonoidis hoodensis, esemplari di tartarughe caratteristici delle Isole Galapagos, grazie alla partecipazione a un programma specifico volto a questo scopo.

Prima di prendere parte all'iniziativa di ripopolamento, Diego viveva in cattività allo zoo di San Diego. Da lì, fu selezionato per un importante programma di preservazione delle enormi tartarughe.

Sull'isola di Espanola, nel meraviglioso arcipelago ecuadoregno delle Galapagos, c'erano soltanto 2 maschi e 12 femmine della sua stessa specie. Da quando ha lasciato lo zoo californiano, nel 1977, la grande attività di corteggiatore di Diego lo ha portato a non smettere mai di riprodursi, arrivando letteralmente a ripopolare l'isola con i suoi figli.

Le cifre non sono certe, ma le stime degli esperti che monitorano la vita di questi animali hanno parlato addirittura di ben 800 esemplari la cui paternità potrebbe essere attribuita a Diego. In totale, dall'inizio del programma, si parla di circa 2000 tartarughe giganti venute al mondo grazie a esso.

Un risultato ben più notevole di quello fatto registrare dal solitario George, tartaruga gigante Chelonoidis abingdonii, che con la sua morte, avvenuta nel 2012, e l'assenza di "eredi" ha purtroppo segnato la scomparsa della specie.

Advertisement

Diego, con la sua notevole libido, è riuscito a bilanciare l'intero ecosistema dell'isola. Secondo gli esperti del Parque Nacional Galapagos, infatti, qualunque scenario, nei prossimi 100 anni, vedrebbe condizioni favorevoli e sufficienti a mantenere una popolazione di tartarughe che continuerà a crescere sull'isola.

Dopo oltre 8 decenni in cui ha regalato alla sua specie la possibilità di sopravvivere, per Diego è arrivato il momento di andare in pensione. Il programma di ripopolamento è terminato, e il gigantesco animale potrà tornare a vivere allo stato brado. Non resta che fare i complimenti a questo vero e proprio "Casanova" col guscio, che ha regalato grandi speranze in uno degli ecosistemi più delicati e affascinanti dell'intero Pianeta.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie