Gli scoiattoli neri: una rara e affascinante mutazione nata dall'incrocio di due specie diverse - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Gli scoiattoli neri: una rara e affascinante…
I cani non si tirano mai indietro di fronte a un pisolino: 18 foto in cui sono addormentati nelle posizioni più scomode Queste 21 foto ridefiniscono completamente il concetto di pigrizia

Gli scoiattoli neri: una rara e affascinante mutazione nata dall'incrocio di due specie diverse

4.728
Advertisement

Può essere davvero sorprendente riuscire ad osservare un animale sfoggiare un colore insolito della propria pelliccia. D'altronde, siamo abituati al fatto che le volpi siano rosse, i panda bianchi e neri, e le aragoste rosse. Eppure sono capitati diversi avvistamenti di animali con un colore del manto diverso dal solito. Le aragoste blu, ad esempio, possono occasionalmente affiorare nelle trappole dei pescatori; un delfino rosa è stato avvistato in Louisiana nel 2007 (e da allora è stato visto anche altre volte); nella provincia cinese dello Shaanxi, un simpatico panda bianco e marrone ha salutato i visitatori dello zoo. Insomma, quando si tratta di anomalie, la natura non risparmia nessuno ― neanche gli scoiattoli! Gli scoiattoli di colore nero, infatti, sono l'ennesima mutazione genetica di un animale che, solitamente, sfoggia colori differenti. 

Gli scoiattoli neri sono stati avvistati soprattutto nel Regno Unito e negli Stati Uniti, e la loro presenza ha sempre rappresentato un piccolo mistero. Ora gli scienziati hanno provato a dare una spiegazione a questa particolare anomalia. Come molti animali che presentano combinazioni di colori insolite, gli scoiattoli neri sono il risultato di una mutazione genetica. I ricercatori dell'Università Anglia Ruskin, dell'Università di Cambridge e del Virginia Museum of Natural History hanno collaborato ad un progetto comune che ha testato il DNA degli scoiattoli. I risultati, pubblicati su BMC Evolutionary Biology, hanno dimostrato che lo scoiattolo nero deriva dall'incrocio tra lo scoiattolo grigio comune e lo scoiattolo volpe. Lo scoiattolo nero, quindi, è in realtà uno scoiattolo grigio con un gene pigmentato difettoso trasportato dallo scoiattolo volpe, che trasforma la tonalità della loro pelliccia in una più scura.

immagine: Needpix

La pelliccia nera può offrire agli scoiattoli che vivono nelle regioni più fredde alcuni benefici, in quanto il nero è in grado di assorbire e trattenere di più il calore, dando loro un leggero vantaggio evolutivo. In Nord America, gli scoiattoli neri sono rari ― si stima che ce ne siano circa 1 su 10.000. Nel 1961, gli studenti della Kent State University in Ohio pubblicarono le foto di 10 scoiattoli neri catturati dalle autorità canadesi. Gli scoiattoli ora popolano il campus e sono diventati la mascotte non ufficiale della scuola. La loro colorazione potrebbe aiutarli a nascondersi dai predatori, il che potrebbe tornare utile al Kent State visto che il campus ospita anche falchi.

Insomma, il "mistero" degli scoiattoli neri sembra essere ormai risolto.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie