Come per gli esseri umani, anche fra le orche le nonne si prendono cura dei propri nipoti: una ricerca lo rivela - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Come per gli esseri umani, anche fra…
Snowlandia: in Polonia esiste un labirinto di ghiaccio grande quanto 10 campi da tennis Un'azienda ha inventato un robot che rileva e raccoglie i bisogni dei cani al posto nostro

Come per gli esseri umani, anche fra le orche le nonne si prendono cura dei propri nipoti: una ricerca lo rivela

13 Dicembre 2019 • di Marta Mastrogiovanni
1.879
Advertisement

Nel mondo animale, almeno nella maggior parte dei casi, quando un esemplare femmina smette di essere riproduttivo, significa che si sta avvicinando verso la fine dei suoi anni. Negli esseri umani, invece, le donne entrano in menopausa e continuano a vivere ancora per molti anni, nonostante non siano più in grado di avere figli. Per questo, c'è una ragione evolutiva. Gli antropologi si riferiscono all'alto tasso di sopravvivenza delle donne dopo la menopausa come "all'effetto nonna", poiché la presenza delle nonne sembra aumentare le possibilità che i loro parenti sopravvivano (e che le loro informazioni genetiche  vengano trasmesse alle generazioni future). Ciò accade perché queste donne anziane mettono al primo posto i loro nipoti.

via: PNAS

Un nuovo studio rivela che anche un'altra specie beneficia dell'effetto-nonna: le orche. Anche questi animali sopravvivono a lungo dopo che smettono di essere riproduttivi e questa nuova ricerca ha scoperto che la presenza di nonne orca aumenta le possibilità di sopravvivenza delle loro figlie e nipoti. 

"Le nonne orca usano le loro conoscenze per guidare la loro famiglia in cerca di cibo", ha affermato Daniel Franks, l'autore principale dello studio. Franks e il suo team hanno esaminato i dati raccolti in più di 40 anni su 2 gruppi di orche che vivono al largo delle coste dello stato di Washington e della Columbia Britannica. I ricercatori hanno analizzato il tasso di sopravvivenza di 378 cuccioli di orca, le cui nonne erano ancora in vita; nei due anni successivi alla morte di una nonna, i ricercatori hanno scoperto che le possibilità di sopravvivenza dei nipoti diminuiscono.

"I cuccioli di orca la cui nonna materna è morta negli ultimi due anni, hanno un tasso di mortalità 4,5 volte superiore ad un individuo con una nonna vivente", hanno scritto gli autori dello studio. Inoltre, la perdita di una nonna-orca durante i periodi in cui nel Pacifico iniziavano a scarseggiare i salmoni Chinook, ha un impatto maggiore sulla possibile sopravvivenza o meno dei nipoti. Inoltre, le nonne-orca sono note per badare ai propri nipoti mentre le figlie sono a caccia di cibo.

Secondo Franks, la nuova ricerca potrebbe rivelare il motivo per cui le orche sono una delle sole cinque specie di mammiferi conosciute (inclusi gli umani) che dopo la menopausa hanno davanti diversi anni di vita. Alcune orche raggiungono gli 80 e persino i 90 anni. 

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie