Una proposta di legge messicana prevede fino a 9 anni di reclusione per chi maltratta gli animali - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Una proposta di legge messicana prevede…
Questo medico brasiliano viaggia per il mondo curando i denti alle persone più indigenti Design per tutti: 16 oggetti pensati per migliorare la vita di tutti i giorni

Una proposta di legge messicana prevede fino a 9 anni di reclusione per chi maltratta gli animali

1.378
Advertisement

Dati alla mano: nel 2018, la Brigata della Sorveglianza Animali ha ricevuto 1.700 denunce di abuso di animali a Città del Messico e la stessa entità ha riferito che il 70% dei cani nel Paese si trova in una situazione di randagismo. Il parlamentare messicano Ricardo Monreal Avila, ha informato la autorità politiche che presenterà un'iniziativa per punire coloro che danneggiano la flora, la fauna la natura selvaggia e acquatica, con un massimo di nove anni di carcere. 

immagine: Pxhere

Il coordinatore del gruppo parlamentare Morena ha anche affermato che la proposta cercherà modificherà l'articolo 420 del codice penale federale del Messico. Includerà anche multe per l'equivalente di 300 fino a 3 mila giorni di reclusione. Il parlamentare ha inoltre ricordato che nell'aprile 2019 ci sono state iniziative per punire l'uso degli animali nella ricerca sui prodotti di bellezza, compresa la sperimentazione in laboratorio. Secondo Monreal, il progetto potrebbe approvato entro la fine dell'anno.

“Coloro che, senza provocare la morte, causano sofferenza temporanea o prolungata, i processi di agonia per gli animali saranno sanzionati per tortura, mutilazione o uccisione di un animale. ” ha dichiarato il parlamentare Ricardo Monreal Avila.

immagine: Pixabay

Se la proposta del parlamentare messicano verrà approvata, sarà anche valido in caso di maltrattamenti di specie acquatiche in via di estinzione, endemiche o di qualsiasi altro soggetto alle cure riconosciute da qualsiasi trattato internazionale di cui il Messico fa parte.

Un piccolo passo avanti che, sperando le trafile parlamentari e burocratiche siano brevi, potrebbe cambiare per sempre la condizione urgente e preoccupante del 70% dei cani randagi nella nazione del Centro America. E anche noi ci uniamo al coro di chi spera che questa proposta di legge possa andare a buon fine.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie