Un'azienda italiana ha brevettato un metodo innovativo per purificare l'aria con i batteri - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Un'azienda italiana ha brevettato un…
L'uomo produce emissioni di CO2 cento volte maggiori di tutti i vulcani della Terra messi insieme Meraviglie della genetica: 13 immagini di sosia che si sono incontrati per puro caso

Un'azienda italiana ha brevettato un metodo innovativo per purificare l'aria con i batteri

1.099
Advertisement

La parola batteri crea subito un senso di preoccupazione: immediatamente pensiamo alle più svariate malattie e a come difenderci. Ma non tutti i batteri sono patogeni. Al contrario, molti di essi sono fondamentali per il nostro organismo. È il caso dei batteri dell'intestino, che regolano i nostri processi metabolici.

Grazie all'azienda U-Earth, oggi sappiamo che i batteri potrebbero presto aiutarci anche nella lotta contro l'inquinamento.

via: U-Earth
immagine: U-Earth

U-Earth è un'azienda italiana di Torino che, grazie alla collaborazione con Digital Magics, ha vinto l'evento di Eni Gas e Luce chiamato Call for innovation per lo Smart Building, ossia per tutte le innovazioni tecnologiche che riescono a farci organizzare meglio la vita a casa. U-Earth ha sbaragliato la concorrenza degli altri 73 progetti presentati. Come ci è riuscita? Offrendo un metodo alternativo per purificare l'aria che respiriamo.

L’apparato sviluppato da U- Earth, come spiegato dal responsabile marketing Lorenzo Di Cataldo, è in grado di eliminare il particolato, gli odori e persino i virus utilizzando una biomassa composta da 13 ceppi batterici non geneticamente modificati, brevetto esclusivo dell'azienda. Questi organismi si adattano al contesto in cui si trovano e, mentre si riproducono, fagocitano i contaminanti. Alla fine del processo, ciò che resta è acqua che, seppur sporca, non è contaminata da alcun agente tossico o virus.

immagine: U-Earth

Per il loro progetto, Di Cataldo e la U-Earth hanno inizialmente trovato l'appoggio finanziario a Londra, dove il Sindaco Sadiq Khan ha donato loro un assegno da investire nella ricerca.

Dopo la vittoria ottenuta nell'evento indetto da Eni Gas e Luce, la U-Earth potrà avere anche il sostegno dell'azienda italiana leader nel settore energetico. Al momento non è previsto alcun ingresso nel capitale della U-Earth da parte di Eni, ma le due aziende collaboreranno per sviluppare ulteriormente il progetto e renderlo effettivamente vendibile.

Una soluzione intelligente, tecnologica e sostenibile, che speriamo possa presto essere commercializzata per rendere l'aria del nostro Pianeta nuovamente respirabile.

Advertisement
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie