Questo carcere ha affidato dei gatti randagi ai detenuti e l'iniziativa ha cambiato la vita di entrambi - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Questo carcere ha affidato dei gatti…
Il figlio che ti fa infuriare di più è quello che più ti assomiglia: una psicologa ci spiega perché La storia di Water Man, l'uomo che ogni giorno porta acqua pulita agli animali selvatici assetati

Questo carcere ha affidato dei gatti randagi ai detenuti e l'iniziativa ha cambiato la vita di entrambi

2.698
Advertisement

Il potere terapeutico degli animali, specialmente quello di cani e gatti, è noto sin dall'antichità. Un cucciolo non è soltanto un animale da compagnia, ma anche una "medicina" che aiuta a curare la mente e lo spirito. I benefici nell'avere un animale domestico sono tantissimi: sconfigge ansia e depressione, facendoci sentire meno soli e risollevandoci il morale, e abbassa persino la pressione sanguigna. Insomma, tra tutti i pro e i contro, potrebbe risultare davvero vantaggioso per tutti possedere un animale da compagnia, come un cane o un gatto. Ciò che spesso ignoriamo, è che questi animali sono d'aiuto davvero a chiunque: anche ai condannati in carcere per aver commesso qualche crimine.

Nel 2015, nello Stato dell'Indiana, l'Animal Protection League ha dato vita ad una iniziativa molto importante, all'interno del centro di recupero del carcere di Pendleton, chiamata F.O.R.W.A.RD. L'idea che sta alla base di questo progetto è quella di prendere i gatti da un rifugio e inserirli nel centro di detenzione, in modo che i detenuti possano prendersi cura di loro. Il programma si è rivelato subito utile, sia per i gatti che per i carcerati.

 

Ci sono un'infinità di gatti che sono stati abusati e trattati male dai loro ex-padroni, che qui, tra le mura del carcere, ritrovano il contatto umano e l'affetto dei detenuti. Tutti i felini che vengono affidati alle cure dei carcerati, sono animali stressati che hanno perso la fiducia nel genere umano e che, quindi, risultano essere difficilmente adottabili. È proprio per questo che passano un periodo di tempo con i detenuti, i quali danno loro amore e pazienza.

Advertisement

È stato ampiamente notato come, con il passare del tempo, i gatti diventino più socievoli. I detenuti hanno il compito di dar loro da mangiare e pulirli il pelo a dovere. Piano, piano, con le dovute cure, i piccoli animali stanno tornando a fidarsi degli esseri umani.

Certamente non sono solo i gatti a beneficiare di questo particolare programma: i detenuti hanno l'opportunità di prendersi cura di un altro essere vivente e imparano a gestire le proprie responsabilità.

Maleah Stringer, il direttore dell'APL, ha raccontato: "Ho avuto dei detenuti che, quando hanno ricevuto un gatto, hanno ammesso come quella fosse la prima volta, almeno secondo i loro ricordi, in cui concedevano a loro stessi il privilegio di prendersi cura di qualcosa".

L'animale fornisce al detenuto amore incondizionato ― qualcosa che molti di loro non hanno mai ricevuto nella vita. Inoltre, gli insegna ad interagire in maniera non violenta, anche nella risoluzione di eventuali problemi. 

Programmi di recupero simili, che coinvolgono la presenza di animali, sono abbastanza diffusi nelle carceri statunitensi. Uno di questi è portato avanti dall'organizzazione animalista Purrfect Pals, che, grazie al proprio lavoro, sta aiutando numerosi detenuti e gattini salvati dalla strada.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie