Mangiare velocemente fa davvero ingrassare? Ecco cosa dice la scienza - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Mangiare velocemente fa davvero ingrassare?…
India: il Questa immagine sta infastidendo migliaia di persone, e c'è una spiegazione ben precisa

Mangiare velocemente fa davvero ingrassare? Ecco cosa dice la scienza

5.156
Advertisement

Vi siete mai chiesti che tipo di mangiatori siete? No? Provate a farlo, perché potreste scoprire buone o cattive abitudini che magari non sapevate nemmeno di avere.

Quando vi sedete a tavola o vi trovate a consumare un pasto fuori casa vi prendete il vostro tempo, oppure ingurgitate tutto come se fosse il vostro ultimo pasto sulla Terra?

Se la seconda situazione è quella che vi rappresenta di più, attenzione: così facendo la vostra digestione - e la vostra salute - ne risentiranno. Probabilmente vi avranno già detto, magari fin da piccoli, che mangiare velocemente fa male. Vediamo nel dettaglio perché e come evitare di farlo.

immagine: pxhere.com

In primo luogo, se tenete alla vostra linea, sappiate che mangiando velocemente potreste prendere più peso. Questo è dovuto al fatto che, più in fretta mandate giù il cibo, prima vi sentirete sazi, senza però assimilare bene. Se invece rallenterete, avrete un maggiore senso di fame e vi "godrete" il pasto.

È proprio una questione di sazietà: se vi sbrigate a consumare un pasto, l'organismo non avrà modo di far funzionare correttamente il meccanismo biologico che determina la voglia di mangiare o di smettere di farlo. A regolare questa funzione, è la colecistochinina, un ormone secreto nell'intestino tenue, che "avverte" il cervello della sazietà.

immagine: Picryl.com

Mangiando più lentamente, inoltre, ridurrete la quantità di cibo non necessario, proprio perché sarete già sazi prima di voler mangiare altro. A provarlo, diversi studi scientifici condotti su soggetti con peso normale e obesità, a cui è sono stati dati tempi diversi per mangiare.

Dai test è emerso che i partecipanti ai test che hanno consumato meno cibo sono stati quelli che hanno mangiato più lentamente, e viceversa. Inoltre, aver mangiato in più tempo e in maniera più rilassata, ha diminuito il loro senso di fame dopo i pasti.

Advertisement

Come fare, allora, per evitare di ingoiare pranzi e cene in tempi troppo rapidi? Ecco qualche consiglio che potrebbe tornare utile:

  • Masticare tanto e bene: ogni boccone dovrebbe essere masticato tra 20 e 25 volte
  • Mangiare con gli altri, per socializzare, scambiare due chiacchiere, e quindi ingerire il cibo più lentamente
  • Creare, se possibile, un ambiente rilassante in cui consumare i pasti: in questo, può aiutare anche mangiare con il televisore spento
  • Usare le posate il più possibile, anche con cibi come pizza o panini

Vi riconoscete in queste buone abitudini? Se la risposta è negativa, forse è bene iniziare ad abituarsi in maniera diversa, per fare in modo che il cibo che assumiamo serva davvero a mantenerci in salute!

SOURCE:

Tags: UtiliBenessereSalute
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie