Brasile, deforestazione fuori controllo: distrutti 739 kmq di foresta amazzonica nel solo mese di maggio 2019 - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Brasile, deforestazione fuori controllo:…
Piatti commestibili e biodegradabili per un futuro senza plastica: ecco come sono fatti Insonnia cronica: bastano 5 giorni per lasciare tracce permanenti nel nostro cervello, rileva uno studio

Brasile, deforestazione fuori controllo: distrutti 739 kmq di foresta amazzonica nel solo mese di maggio 2019

12.583
Advertisement

Il dato fornito dall'Agenzia di ricerca spaziale del Brasile è piuttosto preoccupante: non soltanto il fenomeno della deforestazione è presente ed urgente nell'area del Sud America, ma sembra che il tasso sia aumentato nel 2019, portando i dati ufficiali a dichiarare il peggior risultato degli ultimi 10 anni mai registrato dalla nazione sudamericana.

Ecco cosa sta accadendo all'ecosistema amazzonico sotto il controverso Governo Bolsonaro in Brasile.

immagine: Wikimedia

Secondo i dati raccolti dall'INPE nel mese di maggio 2019 sono stati registrati circa 739 chilometri quadrati di foresta pluviale persa a causa del fenomeno delle deforestazione incoraggiato dal Governo Bolsonaro, un numero che si attesta ufficialmente come il peggiore degli ultimi dieci anni, nonostante il maggior picco mai registrato dal sistema di monitoraggio DETER dell'INPE risulti quello del 2004 con 27 mila chilometri quadrati di foresta amazzonica perduta, un numero pari all'area geografica della sola isola di Haiti.

L'allarme che è stato lanciato dall'Inpe brasiliana è stato però prontamente contestato dal Ministero dell'Ambiente della nazione sudamericana; quest'ultimo ha subito proposto la chiusura del monitoraggio di DETER e dell'Agenzia spaziale, perché ritenuta manipolabile, con un nuovo sistema di controllo satellitare privato capace di fotografare la condizione dell'Amazzonia in tempo reale.

immagine: Flickr

Tra le altre cause dell'impennata dei livelli di deforestazione dell'Amazzonia dall'insediamento del Governo Bolsonaro c'è anche quella legata alla perdita dei diritti delle comunità indigene delle foreste pluviali, le cui azioni di conservazione dell'ecosistema avevano in passato funzionato da scudo ideale ai processi di deforestazione, ma non ultimo il progressivo controllo degli enti ambientali del paese nelle mani delle forze governative: è il caso dell'IBAMA (Agenzia per la protezione ambientale), posta sotto il controllo del Ministero dell'Agricoltura.

Nel luglio 2018 il programma di monitoraggio brasiliano PRODES aveva dichiarato circa 7.900 chilometri quadrati di foresta amazzonica soggetti a deforestazione, una superficie pari a quella dello stato del Porto Rico. Dati preoccupanti che ci mettono in guardia sui rischi che stiamo incorrendo se non proviamo a fermare il fenomeno del disboscamento su scala mondiale il più presto possibile.

Source:

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie