Un uccello estintosi 136.000 anni fa è "risorto" grazie al fenomeno dell'evoluzione iterativa - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Un uccello estintosi 136.000 anni fa…
Mini robot che indirizzano i farmaci verso le cellule tumorali: i risultati dei test sono incoraggianti Sorgerà a Copenaghen il primo grattacielo eco-sostenibile: ecco il progetto e tutti i suoi vantaggi

Un uccello estintosi 136.000 anni fa è "risorto" grazie al fenomeno dell'evoluzione iterativa

10.346
Advertisement

Se pensate che la capacità di risorgere dalle proprie ceneri appartenga solo alla creatura mitologica che conosciamo col nome di fenice, sappiate che vi è un altro uccello che, stando alle opinioni degli esperti, ha compiuto negli ultimi millenni lo stesso prodigioso percorso: si tratta del rallide noto come il rallo di Cuvier, una specie terricola che ha fatto il suo ritorno dopo la sua estinzione, avvenuta 136.000 anni fa. Come ha fatto? La risposta risiederebbe nel fenomeno dell'evoluzione iterativa.

Il rallo di Cuvier (Dryolimnas cuvieri, in inglese "white-throated rail") è originario del Madagascar, e da qui in tempi antichissimi era solito spostarsi su isole e coste anche molto distanti. Alcuni esemplari migrarono migliaia di anni fa verso est, arrivando sull'atollo corallino Aldabra e qui, in assenza di predatori, si evolvettero fino a perdere l'abilità di volare. La loro storia non ebbe però un lieto fine (almeno per il momento), poiché un innalzamento degli oceani sommerse totalmente l'atollo, decretando la fine di tutte le specie terricole su di esso presenti.

immagine: Totodu74/Wikimedia

Trascorso qualche migliaio di anni, l'atollo riemerse dalle acque, le specie tornarono, e ricominciò il delicato ed inesorabile processo dell'evoluzione. Ciò che però ha lasciato i ricercatori increduli è che, confrontando i fossili antecedenti e posteriori alla scomparsa dell'atollo, sembra proprio che lo stesso uccello terricolo si sia evoluto due volte, nella stessa maniera, a distanza di poche migliaia di anni.

Si tratterebbe infatti di un esempio di evoluzione iterativa: partendo da un antenato simile, e con le stesse condizioni climatiche e di predatori, il rallo di Cuvier si è evoluto di nuovo arrivando ad essere praticamente identico (perdendo quindi nuovamente la capacità di volare) a quello presente prima dell'inondazione.

Insomma, nonostante l'evento traumatico dell'inondazione, il rallo non si è dato per vinto, ed è risorto dalle sue ceneri proprio come la mitologica fenice.

Tags: AnimaliNatura
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie