Addio alla vaquita: il "panda dei mari" potrebbe estinguersi già dalla prossima stagione - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Addio alla vaquita: il "panda dei mari"…
20 biglietti da visita non convenzionali per sbaragliare la concorrenza nel mondo del lavoro 19 oggetti per riorganizzare l'arredamento di una casa e farla sembrare molto più grande

Addio alla vaquita: il "panda dei mari" potrebbe estinguersi già dalla prossima stagione

10.527
Advertisement

Tra le specie a rischio di estinzione entro la fine del 2019 c'è la vaquita, rarissimo cetaceo i cui esemplari rimasti sono soltanto 22. Un numero allarmante per uno degli animali simbolo della fauna marina del Golfo di California la cui giornata mondiale si celebra il 6 giugno.

Secondo i ricercatori della Baja California Sur University, la vaquita potrebbe avere i giorni contati. Un conto alla rovescia preoccupante di cui se ne stanno occupando le stime più recenti.

Soltanto 22 esemplari si aggirano ancora tra i mari del Golfo della California, più del numero previsto inizialmente di dodici; la triste realtà è però che i ventidue membri rimasti della specie non sono sufficienti per la sopravvivenza della vaquita, chiamata affettuosamente il "panda dei mari" per le caratteristiche macchie nere che circondano i suoi occhi.

Anche l'organizzazione Sea Shepherd è scesa in campo per salvare gli ultimi esemplari rimasti nelle grinfie delle reti dove restano inevitabilmente impigliati. Non è un caso infatti che la pesca fuori controllo dell'uomo sia la causa principale dell'estinzione della vaquita.

The vaquita is a tiny, critically endangered porpoise from the Gulf of California. Only 30 individuals remain. Today is...

Pubblicato da Fluffy Animals su Martedì 11 luglio 2017

Diventato simbolo di tutte le specie marine minacciate dalla pesca senza controllo, il panda dei mari ha la sfortuna di condividere le acque in cui nuota con il totoba, un pesce rarissimo la cui pesca è considerevolmente quotata nel giro di affari del Golfo della California. Sono quindi le catture accidentali la causa maggiore dell'estinzione precoce del cetaceo.

Un segnale d'allarme preoccupante per una delle specie più emblematiche della fauna marina in progressiva scomparsa ed un grido di soccorso a cui ci uniamo assieme alle azioni dell'università della California e di Sea Shepherd affinché la vaquita possa continuare a nuotare nelle acque del golfo americano.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie