Il governo di Taiwan vuole eliminare l'uso della plastica entro il 2030: ecco il piano per riuscirci - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Il governo di Taiwan vuole eliminare…
Gli archeologi hanno trovato del pane risalente a 14.000 anni fa, molto prima della rivoluzione agricola 20 biglietti da visita non convenzionali per sbaragliare la concorrenza nel mondo del lavoro

Il governo di Taiwan vuole eliminare l'uso della plastica entro il 2030: ecco il piano per riuscirci

1.408
Advertisement

Tra le cause maggiori di inquinamento ambientale dell'ultimo secolo, alla plastica spetta un posto privilegiato. L'uso quotidiano che ne facciano all'interno e al di fuori delle nostre case è sempre in cima alla lista delle preoccupazioni dei movimenti per la lotta allo spreco.

Una possibile soluzione alla riduzione dell'uso della plastica in tutte le sue forme arriva da un rivoluzionario progetto messo in atto nella nazione asiatica di Taiwan, che punta ad un orizzonte plastic free entro il 2030.

immagine: Pxhere

Il progetto ecologico proposto dal Taiwan è suddiviso in varie fasi, ognuna delle quali pianificata entro la prossima decade, fino ad arrivare all'orizzonte del 2030. Secondo il Ministero dell'Ambiente taiwanese (Environmental Protection Administration) il 2020 sarà dedicato al divieto indirizzato ai negozi al dettaglio, costretti dunque a pagare una tassa nel caso di cessione di contenitori di plastica ai propri clienti.

Entro il 2025, il Taiwan prevede di aumentare tale tariffa; per quanto riguarda invece l'uso delle cannucce di plastica, il divieto categorico all'inizio coinvolgerà le tavole calde che le utilizzano nel proprio locale, per poi passare anche ai servizi da asporto entro il 2030.

immagine: Maxpixel

L'iniziativa rivoluzionaria di Taiwan non è però la prima che viene adottata nella nazione asiatica per ridurre drasticamente il consumo di plastica; già nel 2018 il Ministero dell'Ambiente aveva introdotto una tassa sull'utilizzo delle buste di plastica: esercizi commerciali come le farmacie, gli alimentari e i negozi di bevande non potevano più offrire ai propri clienti i contenitori di plastica gratis. Il risultato del divieto governativo è stato sorprendente: alla fine del 2018 il 70% dei clienti aveva frequentemente fatto a meno dell'uso della busta di plastica all'interno di tali esercizi commerciali.

Advertisement
immagine: jitcji/Wikimedia

Un'iniziativa, quella di Taiwan, che alcune nazioni come la Scozia, il Kenya e il Ruanda stanno imitando per ridurre drasticamente lo spreco di plastica. Una metodologia di lotta all'inquinamento ambientale che speriamo possa raggiungere altre zone del globo, magari prima del 2030.

Tags: CuriosiGreenAmbiente
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie