Questo giovane di 26 anni sta riportando in vita i laghi dell'India prosciugati e trasformati in discarica - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Questo giovane di 26 anni sta riportando…
La Banca Globale dei semi in Norvegia è in serio pericolo: il permafrost che conserva i campioni rischia di sciogliersi Le persone che si lamentano sempre sono dannose per la tua salute

Questo giovane di 26 anni sta riportando in vita i laghi dell'India prosciugati e trasformati in discarica

11 Febbraio 2019 • di Claudia Melucci
5.371
Advertisement

Ramveer Tanwar era all'ultimo anno del corso di laurea in Tecnologia quando si rese conto che i fiumi e i laghi intorno alla sua città, in cui era cresciuto con i suoi amici, erano quasi del tutto spariti: molti bacini erano stati prosciugati e trasformati in fetide discariche a cielo aperto. Fu allora che, grazie alla sua mente incredibilmente creativa e alle conoscenze tecnologiche, decise di fare qualcosa per ripristinare il paesaggio naturale a lui caro. 

Ramveer ha capito fin da subito che se voleva rendere efficaci i suoi sforzi doveva prima di tutto rieducare i cittadini a non riempire di spazzatura le aree prosciugate.

Incredibilmente, attorno a lui si formò fin da subito un seguito di persone che nel tempo divenne numeroso. Tutti, in fin dei conti, volevano risolvere un problema che affligge tutta l'India: la spazzatura.

Advertisement

Nel 2015, insieme agli abitanti del suo paese natale, Ramveer riuscì a bonificare un bacino importante per il villaggio. La sua opera venne notata e i paesi vicino lo chiamarono per fare qualcosa di simile altrove.

Molti stagni si trovavano in condizioni disperate: i numerosi strati di rifiuti hanno impedito per anni all'acqua di arrivare al terreno, fino a renderlo arido.

La bonifica dei bacini prevede una fase in cui vengono raccolti i rifiuti, una doppia filtrazione delle acque e un incontro con i cittadini per prevenire nuove discariche.

Advertisement

Per filtrare ulteriormnte eventuali rifiuti che possono finire nei bacini, l'acqua fluisce attraverso un sistema di filtri di assi di legno e piante: il legno blocca i pezzi più grandi, le foglie delle piante quelli più piccoli.

In India, il problema dell'inquinamento è diffuso in tutto il paese: manca totalmente la cultura del riciclo e spesso della tutela ambientale, oltre ai sistemi che permetterebbero la raccolta dei rifiuti.

immagine: MilaAdam/Wikimedia
Advertisement

Si stima che entro il 2030 metà degli indiani non avrà accesso all'acqua potabile: forse, con la missione di Ramveer Tanwar, molte meno persone soffriranno la sete.

La volontà di questo ragazzo merita un applauso, anche se il suo gesto è una goccia nell'oceano: ci vorrebbero più Ramveer, non solo in India, ma in tutto il mondo. 

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie