La sonda cinese atterrata sul lato oscuro della Luna ha portato con sé piante ed animali - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
La sonda cinese atterrata sul lato oscuro…
14 esempi di architettura Il comune di Bari offre 25 euro al mese a chi va a lavoro in bicicletta: ecco tutti i dettagli del progetto

La sonda cinese atterrata sul lato oscuro della Luna ha portato con sé piante ed animali

13.342
Advertisement

Quelle che possono sembrare passeggiate spaziali fine a se stesse, non sono mai tali: le missioni di esplorazione delle spazio hanno sempre un secondo fine, spesso volto a capire la compatibilità della vita umana negli ambienti extra-terrestri.

E così il lancio della sonda cinese ChangE-4 non è stato uno smacco alla celebre missione statunitense Apollo 11, che portò per la prima volta un essere umano a camminare sul suolo lunare. Emerge ora che a bordo della sonda c'era una piccola latta di alluminio contenente un ecosistema vivente, fatto di piante ed animali. 

immagine: NASA/Wikimedia

L'atterraggio sul lato oscuro della Luna, che abbiamo tutti cantato con il ben noto pezzo dei Pink Floyd, era qualcosa già spettacolare di per sé; il nostro satellite, infatti, per una magica combinazione di tempi di rotazione, mostra alla Terra sempre e solo un lato, quello su cui noi individuiamo spesso una faccia buffa. Cosa ci fosse dall'altra parte nessuno lo sapeva, o quasi. 

La sonda cinese ChangE-4 non solo ha voluto esplorare questo spazio ignoto, ma si prefigge di scoprire se qui c'è possibilità di vita. Per farlo, i ricercatori cinesi l'hanno equipaggiata con un piccolo cilindro di alluminio (un volume di 0,8 litri per 3 kg di peso) contenente semi di patate, di arabetta comune (Arabidopsis thaliana, spesso utilizzata come organismo modello negli esperimenti di biologia) e uova di bachi da seta. 

Le piante offriranno alle uova la quantità di ossigeno necessaria, mentre i bachi restituiranno anidride carbonica e altri nutrienti attraverso i loro scarti. Obiettivo dell'esperimento è vedere se le piante crescono e fioriscono regolarmente nell'ambiente lunare. 

Non può mancare di certo l'ingrediente fondamentale per la fotosintesi, la luce del sole, che filtrerà attraverso un'apertura sul cilindro. Avanzatissima è anche la tecnologia che sta alla base della trasmissione dei dati dalla latta sulla Luna alla Terra: minuscole telecamere monitoreranno il processo e altri sensori rileveranno dati importanti. 

La missione cinese assume una grande importanza nella scoperta della compatibilità tra l'ambiente lunare e la vita terrena: semmai i risultati fossero positivi, si può pensare di costruire una base permanente o edifici di residenza.

Se le piante cresceranno e i bachi da seta sopravviveranno rimane ad oggi una domanda senza risposta. Staremo a vedere! 

Source:

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie