I bambini possono impiegare anche più di 1 anno per riuscire a dormire tutta la notte - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
I bambini possono impiegare anche più…
Che cos'è la talassofobia? Se rabbrividite guardando queste 17 immagini lo avete già scoperto Uno studio rivela la differenza di età perfetta per una coppia per durare nel tempo

I bambini possono impiegare anche più di 1 anno per riuscire a dormire tutta la notte

7.004
Advertisement

Ci sono tappe importanti nella vita di un neonato, a cui i genitori assistono con immenso stupore: i primi sorrisi, lo svezzamento, i passi incerti. Ma c'è anche un altro traguardo che mamma e papà aspettano impazienti: dormire tutta la notte senza interruzioni del sonno.

A pesare sulla salute psicofisica dei genitori è la mancanza di riposo notturno e la sua qualità ridotta: la pediatria tradizionale indica i 6 mesi come l'età in cui il bambino dovrebbe iniziare a dormire per più ore consecutive, al fine di evitare problematiche legate allo sviluppo cognitivo, linguistico e motorio: la realtà, però, dipinge una situazione differente, in cui moltissimi bambini superano i 6 mesi – spesso arrivando anche ad 1 anno di età – senza riuscire a dormire per 6 ore di fila. Ci sono dei rischi che il bambino corre? Uno studio universitario ha chiarito i dubbi dei genitori. 

Lo studio, nato dalla collaborazione tra un'università canadese e una singaporiana, ha esplorato i legami tra il riposo notturno, lo sviluppo mentale e psicomotore, l'umore materno e le abitudini di allattamento. 

Secondo quanto riferito dalle madri che hanno partecipato alle indagini, a 6 mesi di età il 38% dei bambini non dormiva ancora per 6 ore di fila; il 57% non arrivava ad 8 ore. A 12 mesi, invece, la percentuale di bambini che non dorme per 6 ore scendeva al 28%, ma solo il 43% di essi dormiva per almeno 8 ore. 

Emerge quindi che è molto frequente che un bambino tra i 6 e i 12 mesi di età non riesca a dormire senza interruzioni notturne: tuttavia, gli studiosi non hanno trovato alcuna correlazione tra la segmentazione del sonno e l'insorgenza di problematiche a livello cognitivo o motorio. Neanche l'umore della mamma dopo il parto sembra influenzare la qualità del sonno del bambino. 

immagine: pixabay.com

Tuttavia, la ricerca ha scoperto che i bambini che si svegliavano nella notte avevano un tasso di allattamento al seno notevolmente più alto: potrebbe essere quindi un elemento molto importante da considerare nell'analisi del ciclo sonno-veglia del bambino. 

Tra le righe, lo studio suggerisce a tutti i genitori di avere pazienza e di non preoccuparsi più del dovuto se il loro figlio stenta a consolidare il riposo notturno: potrebbe volerci anche più di un anno, ma questo momento arriverà per tutti. 

Source:

Tags: BambiniSalute
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie