Scoperta una tomba egizia di 4.400 anni, perfettamente conservata: all'interno 55 statue colorate - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Scoperta una tomba egizia di 4.400 anni,…
Secondo un esperto il veganismo può diventare la causa della malnutrizione nei paesi sviluppati Delle speciali gocce potrebbero riparare la cornea e risolvere i più comuni difetti della vista

Scoperta una tomba egizia di 4.400 anni, perfettamente conservata: all'interno 55 statue colorate

2.738
Advertisement

L'Egitto continua a riportarci indietro nel tempo, alla sua epoca più florida e visionaria, quella degli antichi egizi; stavolta lo fa con la scoperta di un'enorme tomba, incredibilmente ben conservata, arricchita da 55 statue colorate. Una prima indagine ha fatto risalire al nome del personaggio a cui è stata dedicata la tomba; un certo Wahtye, un sacerdote molto rispettato, il cui corpo si pensa si trovi in uno dei cinque loculi scoperti nelle vicinanze del sepolcro. 

immagine: Egyptian Ministry of Antiquities

La tomba di 4.400 anni è costituita da due piani, tra i quali sono distribuite le 55 statue raffiguranti uomini e dei; di queste, alcune sono a grandezza umana naturale, altre più piccole di circa un metro. Presentano dei colori ben conservati tenendo conto dei millenni trascorsi dalla loro creazione.

La tomba appartiene ad un tale Wahtye, un sacerdote di alto rango che deteneva il titolo di "divino ispettore". Secondo gli archeologi il suo corpo potrebbe trovarsi insieme agli oggetti che di solito accompagnavano la sepoltura, in uno dei cinque loculi trovati all'interno della tomba.

Wahtye visse durante il regno dell'imperatore Neferirkare, durato circa dal 2446 al 2438 a.C. La piramide dell'imperatore è stata già trovata ed è a tre chilometri dal luogo di ritrovamento della tomba, nella città di Saqaara. 

Nel sepolcro sono presenti numerose pitture geroglifiche, anch'esse in ottime condizioni: riportano molto spesso il nome di Wahtye, così come quella della madre – Merit Meen – e della moglie – Nin Winit Ptah.

Advertisement
immagine: Egyptian Ministry of Antiquities

Oltre ai geroglifici, altre pitture mostrano gli antichi egizi intenti in alcune attività, tra cui il mangiare, il bere e lavori di costruzione.

Si tratta di una scoperta eccezionale per ricostruire ulteriormente la storia dell'antico popolo egiziano; i manufatti ritrovati all'interno della tomba, infatti, permetteranno di approfondire alcuni aspetti di questa civiltà, come i materiali di costruzione e la tradizione della sepoltura. 

Source:

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie