Che cosa significa avere una personalità di tipo A, B, C, o D e come sfruttare questa conoscenza - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Che cosa significa avere una personalità…
6 motivi per cui dovresti mettere la zeolite in alcuni punti della tua casa 11 segnali del linguaggio del corpo che ci dicono cosa pensano veramente le persone

Che cosa significa avere una personalità di tipo A, B, C, o D e come sfruttare questa conoscenza

4.223
Advertisement

Per quanto ognuno di noi cerchi di esprimere la propria unicità e peculiarità nel mondo, pare che l'inventiva genetica abbia un limite e che ognuno di noi rientri in una delle 4 categorie di personalità. In alcuni casi ci si potrebbe rispecchiare un po' in una e un po' in un'altra, ma il ventaglio è comunque limitato.

L'idea è della psicologa inglese Perpetua Neo, secondo la quale bisogna conoscere a monte a quale categoria si appartiene per poter passare a comprendere i punti di forza da esprimere in ambito lavorato o nell'ambito delle relazioni sociali.

Tipo A – L'arrivista

immagine: pixabay.com

Il tipo A è molto competitivo, è un leader, ha elevati standard che si impone di rispettare in ogni ambito della vita. Ha un tipo di ragionamento molto razionale e tende ad avere un piano per tutto. Quando le cose non vanno come se le aspettava, il tipo A escogita una via d'uscita: quando le cose vanno al meglio, non sembra essere mai abbastanza. 

Le persone di tipo A tendono ad essere molto impazienti, amano le sfide perché sanno di impiegare tutte le forze per avere successo e pensano che anche imporle agli altri sia un buon modo per spronarli. Spesso possono sembrare aggressivi, perché dicono sempre quello che pensano; sono quelle persone che chiedono "scusa" invece di chiedere il permesso, per non rischiare di cadere in una sorta di immobilismo.

Il tipo A ha sempre energia per se stesso e per gli altri; sono coloro che in gruppo spronano gli altri a dare il meglio, grazie al carisma che li contraddistingue. Sono dei motivatori nati ed è questo che le persone apprezzano di più di loro. 

Tipo B – L'energia calmante

immagine: pixabay.com

Le persone con la personalità di tipo B sono persone calme: non di quelle che solo apparentemente sono serene e dentro hanno il caos. Stare vicino a queste persone significa assaporare un certo gusto di tranquillità; sono effettivamente dei tipi molto "radicati" che non si fanno scuotere dagli eventi della vita così facilmente. Sono anche persone positive e aperte di mente.

Sono esseri sociali, sanno sempre cosa dire al momento più opportuno, sanno ascoltare e dare buoni consigli: in poche parole, sono persone profondamente empatiche.

Advertisement

Tipo C – Il perfezionista

immagine: pixabay.com

Il tipo C è spesso confuso con il tipo A per via della ricerca costante della perfezione. Il tipo C, però, tende a bloccarsi sui piccoli dettagli, quelli ininfluenti sulla qualità del risultato finale. A differenza dei tipi A, inoltre, quest'ultimi tendono ad essere persone più riservate, con meno interazioni sociali.

I tipi C sono quasi ossessionati dalla stabilità: hanno delle routine molto marcate e si sentono molto a disagio quando qualcosa irrompe nel solito ritmo. Non sono persone introverse – gli introversi trovano piacevole la presenza degli altri anche se passano molto tempo soli; diffidano dalle persone perché hanno paura che queste possano minacciare la loro stabilità. 

I punti di forza dei tipi C sono legati alla capacità di fronteggiare le emergenze; rispetto alle altre personalità, tendono a mantenere il sangue freddo e la capacità di ragionare anche sotto pressione. Per questo i tipi C sono di solito avvocati, scienziati e piloti. Il tipo C è colui che, se qualcuno nel gruppo di amici beve troppo, si offre a stargli vicino e a riportarlo a casa. 

Tipo D – L'esistenzialista

immagine: pixabay.com

I tipi D possono assomigliare esternamente alle persone di tipo B per la calma che ispirano, ma dentro sono dei vortici di pensieri. La psicologa li considera simili a dei laghi: sono pacati in superficie, ma in profondità c'è un mostro di Loch Ness che si agita. Le persone di tipo D tendono a giustificare il loro isolamento e a non rendersi conto delle problematiche emotive che possiedono: sono molto introspettive ed è per questo che tendono a prendere tutto sul personale.

Le persone di tipo D hanno anch'esse dei punti di forza: la dottoressa Neo dice che non è che vedano tutto nero, è come se avessero tolto gli occhiali dalle lenti rosa che gli altri indossano. Sono persone estremamente realiste, e ad esserlo non c'è niente di male. Molti filosofi possono essere ricondotti al tipo D e grazie alla loro personalità riflessiva hanno cambiato il mondo. Sono persone resilienti, che non si arrendono mai e che cercano sempre uno spiraglio di positività. Il tipo D è un amico che sarà sempre pronto ad ascoltare, ad entrare in perfetta sintonia con chi si confida con loro. Sono quelle persone che non ti costringono a ridere per stare meglio, quando non c'è da ridere.  

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie