I droni che trasportano sangue e medicinali sono pronti a spiccare il volo: partono i test in un ospedale italiano - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
I droni che trasportano sangue e medicinali…
Siamo ancora capici di distinguere un frutto maturo da uno che non lo è? 5 motivi per cui non dovresti fare regali a tuo figlio quando prende buoni voti a scuola

I droni che trasportano sangue e medicinali sono pronti a spiccare il volo: partono i test in un ospedale italiano

12 Ottobre 2018 • di Claudia Melucci
5.575
Advertisement

Impiegare i droni per trasportare sangue, farmaci e organi, dimezzando costi per la sanità e tempi di attesa: un'idea geniale nata per caso a due ragazzi italiani, Andrea Cannas e Giuseppe Tortora. Un futuro per niente lontano quello che ci si prospetta: molti ospedali italiani hanno già mostrato interesse nell'implementare i droni tra i loro servizi, tra cui il Pontedera di Pisa, in cui la sperimentazione è già iniziata. 

immagine: AB zero/Youtube

I droni sono creati per volare anche con condizioni meteorologiche non ottimali, come pioggia e vento: porteranno medicinali, fino a 10 sacche di sangue e, in un futuro più lontano, organi. I droni saranno impiegati anche nelle situazioni di primo intervento, incidendo notevolmente sull'efficienza dei soccorsi: addio traffico e inoltro di chiamate, i robot raggiungeranno il luogo dell'incidente in men che non si dica.

I droni della ABzero, il nome della start-up italiana che fornisce droni sanitari, sono grandi macchine sofisticate: 6 eliche garantiscono un volo stabile e veloce (70 km/h massimi), mentre 3 gps assicurano la massima precisione di orientamento. Grazie al loro utilizzo, i tempi di trasporto rispetto risulteranno dimezzati dell'80% rispetto a quelli su gomma.

immagine: AB zero/Youtube

Quelli della ABzero sono i primo droni sul mercato pensati per un utilizzo sanitario. Gli ideatori affermano che non ci sarà alcuna difficoltà ad imparare la gestione del volo del drone: il robot, infatti, non sarà telecomandato a distanza, ma basterà inserire la destinazione su un programma intuitivo per farlo funzionare. Il resto, lo farà da sé.

Riusciranno i droni a migliorare sensibilmente la qualità del nostro servizio sanitario? Lo speriamo! 

Guarda il Video:

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie