L'Epitaffio di Sicilo è la canzone integrale più antica che sia stata mai ritrovata: risale all'Antica Grecia - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
L'Epitaffio di Sicilo è la canzone…
Un uomo francese sopravvive a 18 ore di arresto cardiaco: i medici spiegano il 'miracolo'

L'Epitaffio di Sicilo è la canzone integrale più antica che sia stata mai ritrovata: risale all'Antica Grecia

21 Aprile 2018 • di Claudia Melucci
9.063
Advertisement

Sappiamo bene che la musica ha accompagnato i tempi antichi, così come continua a farlo nei giorni odierni: allora come oggi si cantava per svago, alle feste, per amore o per denunciare questioni sociali. Gli archeologi hanno rinvenuto testimonianze appartenenti a diverse epoche, potendo così ricostruire gli stili e i diversi modi di trascrizione delle note. Ovviamente delle popolazioni più antiche sono stati ritrovati perlopiù frammenti di composizioni: ma nel caso dell'Antica Grecia disponiamo di una stele unica nel suo genere, perché contiene un componimento intero che è anche l'unico integrale risalente a questo periodo. 

L'Epitaffio di Sicilo è il più antico componimento musicale integrale mai ritrovato, oltre ad essere l'unico risalente all'Antica Grecia del periodo che va dal II a.C. al I secolo d.C..

Si trova iscritto su una stele marmorea di un'installazione funeraria, ritrovata nella regione dell'Egeo in Anatolia, nel 1885. Sulla stele sono presenti 12 righe, di cui 6 con caratteri alfabetici, mentre i restanti con note musicali. 

La fortuna di averlo trovato integralmente è sicuramente legata alla sua brevità: rispetto ad altri componimenti della stessa epoca, questo risulta molto sintetico.

L'epitaffio pare essere una dedica amorosa, probabilmente scritta alla moglie dell'autore. Lo scritto recita così:

Finché vivi, mostrati al mondo,

non affliggerti per niente:

la vita dura poco.

Il tempo alla fine esige il suo tributo.

Pur essendo un epitaffio i toni non solo quelli voluti tipicamente da un'iscrizione funebre: al contrario sono gioiosi, incoraggianti e pieni di speranza. Si tratta di un esempio di epitaffio molto inusuale.

Advertisement

La stele contiene anche una curiosa iscrizione.

Un'immagine, la pietra,

sono; mi pone

qui Sicilo,

segno durevole

di un ricordo immortale.

Immagine: testo dell'epitaffio in greco.

La stele oggi si trova custodita all'interno del Museo Nazionale Danese: ancora oggi può essere suonata e cantata come era originalmente, proprio per la sua perfetta conservazione.

immagine: Thanatos/Wikimedia

Immagine: spartito musicale e testo dell'epitaffio. 

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie