Impiega 38 anni a costruire un plastico di Roma Antica: il risultato è un tuffo nel passato - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Impiega 38 anni a costruire un plastico…
L'Italia è prima in Europa per il consumo di integratori alimentari: ecco alcune verità che dovete sapere a riguardo Ponte alla Luna: uno tra ponti tibetani più spettacolari d'Europa si trova in Basilicata

Impiega 38 anni a costruire un plastico di Roma Antica: il risultato è un tuffo nel passato

5.285
Advertisement

Una delle strategie con cui Benito Mussolini tentò di aumentare il prestigio dell'Italia al pari della altre potenze mondiali fu la costruzione di opere mastodontiche che ancora oggi costellano la città di Roma e non solo. Oggi vi vogliamo far conoscere un'opera altrettanto smisurata che però non è attualmente visibile, perché chiusa all'interno di un museo capitolino che aspetta di essere riaperto da anni. Stiamo parlando del plastico di Roma del IV secolo d.C., che mostra fedelmente l'aspetto della capitale dell'Impero all'epoca di Costantino I. 

Nel 1933 Mussolini commissionò la costruzione di un plastico del centro di Roma Antica allo storico e architetto Italo Gismondi.

Si trattava di un'opera laboriosissima che l'architetto riuscì comunque a presentare in occasione della Mostra Augustea della Romanità, tenutasi nella capitale nel 1937.

Advertisement

Negli anni successivi continuò ad ampliare il plastico, aggiungendo porzioni sempre più periferiche al centro da cui era partito.

immagine: seier+seier/Flickr

Al termine dei lavori il plastico risultò misurare 17 metri per 17, completamente fatto di gesso alabastrino, in scala 1:250.

immagine: seier+seier/Flickr

Il Gismondi, per la costruzione del plastico, si basò molto sugli scritti dello storico Rodolfo Lanciani, che nel 1901 pubblicò i suoi studi sulla città di Roma sotto il nome di Forma Urbis

Strade, ponti, edifici, statue, monumenti, piazze e vicoli: non manca assolutamente nulla al plastico che rappresenta Roma nel IV secolo.

Il plastico finito fu consegnato nel 1955 al Museo della Civiltà Romana aperto all'EUR, che ad oggi risulta chiuso, in attesa di lavori di ristrutturazione. 

Il plastico costituisce un'opera unica nel suo genere, sia per la sua immensità e ricchezza di dettagli che per l'importanza storica che possiede, essendo un mezzo efficace con cui si può facilmente immaginare come si presentava Roma durante l'epoca costantiniana. 

Tags: ArtistiRomaStoria
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie