12 rare immagini del finto quartiere costruito dagli U.S.A. per celare al nemico una fabbrica militare - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
12 rare immagini del finto quartiere…
Questa casa di cemento è stata costruita in sole 24 ore, alla metà del prezzo di una convenzionale A scuola tutti con lo stesso zaino: il post di una donna su un istituto di Novara si fa virale

12 rare immagini del finto quartiere costruito dagli U.S.A. per celare al nemico una fabbrica militare

16 Marzo 2018 • di Giulia Bertoni
8.776
Advertisement

Fra il 1944 e il 1945 un intero quartiere comparve e scomparve dalle cartine geografiche statunitensi, più precisamente nella zona di Seattle. Il motivo di questo repentino cambiamento era la necessità di nascondere la fabbrica di Boeing militari che la città ospitava (Boeing's Plant No. 2) agli occhi del nemico giapponese, e per fare questo non si esitò a ricorrere a mezzi hollywoodiani: venne ingaggiato lo sceneggiatore cinematografico John Stewart Detlie che mise su quello che, dall'alto, appariva come un comunissimo quartiere americano.

Durante il secondo conflitto mondiale le forze aeree statunitensi, per le campagne di bombardamento strategico dei bersagli industriali tedeschi, ricorrevano principalmente ai bombardieri "fortezza volante" B-17.

All'epoca, costruire uno di questi velivoli costava l'equivalente odierno di 3,4 milioni di dollari;

Advertisement

Capirete quindi per quale motivo proteggere le fabbriche che li realizzavano era considerata una priorità!

Fu così che si pensò di ricorrere a un finto quartiere, provvisto di strade, alberi, case e quant'altro...

Le competenze tecniche di Stewart Detlie servirono a fare in modo che ciò che il finto quartiere nascondeva non venisse mai scorto dall'occhio del nemico.

Advertisement

Il finto quartiere era di fatto una sorta di tetto speciale che copriva la fabbrica sottostante.

Copriva 10 ettari di terreno ed era fatto di compensato, cartone, reti in ferro, tela colorata...

Advertisement

Gli eventuali bombardieri nemici non avrebbero avuto modo di notare nulla di particolare.

Per giungere sul posto di lavoro, gli operai erano tenuti a scendere in tunnel segreti realizzati al di sotto dei reali esercizi commerciali della città.

Advertisement

E questo era ciò che il finto tetto celava alla vista: una fabbrica che impiegava oltre 30 mila operai, uomini e donne.

Qui, ogni mese, venivano completati circa 300 velivoli che venivano spediti in Europa a combattere le forze naziste.

Questa è una foto di come appare oggi la zona dall'alto.

immagine: Google Maps

Avevate già sentito parlare di storie come questa?

Tags: AereiStoriaWWII
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie