Gli operatori ferroviari giapponesi non fanno che puntare il dito: ecco spiegata la curiosa pratica - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Gli operatori ferroviari giapponesi…
12 coincidenze entrate nella storia, così incredibili da non sembrare vere Arriva Salus, il pane dal basso contenuto calorico adatto anche ai diabetici

Gli operatori ferroviari giapponesi non fanno che puntare il dito: ecco spiegata la curiosa pratica

4.464
Advertisement

Il Giappone è uno dei paesi in cui si fa più ricorso in assoluto all'utilizzazione delle ferrovie e dispone infatti di una complessa rete di trasporti su rotaia che rappresenta uno dei settori di punta per lo sviluppo tecnologico, ma che per funzionare senza intoppi necessita di una gestione particolarmente accurata.
Rientra in questo quadro la curiosa pratica che gli operatori di banchina e di bordo mettono in atto e che lascia spesso incuriositi e perplessi gli stranieri: una serie di gesti delle mani e movimenti del corpo che hanno una valida spiegazione.

Cos'è tutto questo gesticolare?

Se vi è capitato di prendere la metro a Tokyo lo avrete sicuramente notato: sulle banchine come a bordo dei vagoni c'è sempre del personale in divisa munito di guanti bianchi che compie una serie di gesti con le mani, indicando vari punti, e associando vocalizzazioni prestabilite.
Loro lo chiamano shisa kanko, significa sistema del "indicare e dire" e indica una modalità di lavoro che prevedere di associare a ogni mansione, sia essa svolta da un autista che da un operatore di banchina, un rinforzo motorio e sonoro. L'Istituto Nazionale per la Salute e la Sicurezza del Giappone ha infatti individuato in questa pratica un valido alleato nel ridurre la possibilità di disattenzioni e scongiurare così incidenti di vario tipo.
Un esempio pratico? Nel controllare che la situazione sui binari e le banchine della metropolitana sia regolare (oggetti dimenticati, porte ostruite, ecc.) l'operatore accompagnerà con la mano lo sguardo fino a "percorrere" tutta la lunghezza della banchina, producendo un suono a ogni fase della procedura. Allo stesso modo, nel fare un controllo della velocità, un autista indicherà il monitor e dirà ad alta voce ciò che sta facendo come modo per auto-convalidare la pratica.
Secondo le statistiche effettuate, questo metodo ha il potere di ridurre dell'85% il numero di errori umani.

Nei due video allegati qui troverete due esempi di come si svolge la procedura nella pratica.

immagine: YouTube/sandabee

Guarda il Video:

Tags: GiapponeTreniCuriosi
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie