Una scoperta epocale sulla cultura celtica: tutti i segreti della Tomba di Hochdorf - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Una scoperta epocale sulla cultura celtica:…
Arriva dalla Svezia un nuovo Piante e fiori contro il cemento: questi giganteschi murales sono un inno alla resilienza

Una scoperta epocale sulla cultura celtica: tutti i segreti della Tomba di Hochdorf

06 Febbraio 2018 • di Marco Renzi
4.038
Advertisement

Nel 1977 nel villaggio tedesco di Hochdorf an der Enz (a nord di Stoccarda) venne alla luce un sito funerario di straordinaria ricchezza e grande valore storico: si tratta della Tomba di Hochdorf, la sepoltura di un guerriero celtico vissuto nell'età del ferro (fine del II millennio a.C.).

La scoperta ha gettato una luce su una cultura poco nota, sviluppatasi nell'Europa centrale nell'età del bronzo e nella prima età de ferro, che prende il nome dalla cittadina di Hallstatt, nei pressi di Salisburgo, in cui fu rinvenuta la maggior parte dei reperti.

La tomba si trovava all'interno di un tumulo del diametro di 60 metri e alto 10 metri, protetto da varie tonnellate di pietre (per scoraggiare i saccheggi); con il tempo il soffitto era collassato, nascondendo quasi del tutto la montagnola alla vista dei passanti (e quindi anche dei malintenzionati).

Gli scavi della tomba, datata tra il 550 e il 500 a.C. e rimasta praticamente intatta, avvennero tra il 1978 e il 1979, portando alla luce molti dettagli riguardo alla civiltà celtica. Sulle pareti erano state sistemate delle stoffe, mentre il pavimento era ricoperto di petali di fiori; l'alto rango del defunto è testimoniato dalla quantità e dalla qualità degli oggetti rinvenuti.

Uno degli elementi principali del corredo era un enorme calderone di bronzo decorato con dei leoni accovacciati; intorno ad esso, piatti, bicchieri e posate per nove persone.

Advertisement
immagine: Xuan Che/Wikimedia

Il defunto si trovava all'interno di una sorta di piccolo divano bronzeo di 2,75 metri, sul cui schienale erano incise scene di danzatori. Anche i piedi della struttura erano delle piccole sculture raffiguranti delle donne con inserti di corallo.

immagine: 1rhb/Wikimedia

Il guerriero era un uomo sui 40 anni, alto 1,83 metri (non poco, stando alla media di quel periodo storico). Ad accompagnarlo nel suo viaggio erano stati lasciati strumenti di guerra ma anche piccoli utensili per la vita e la pulizia quotidiana.

Alcuni di questi oggetti erano stati lasciati su un piccolo carro decorato con lamine di ferro, come per permettere al defunto di portarli facilmente con sé nel suo cammino.

Advertisement
immagine: NobbiP/Wikimedia

Intorno al grande vaso centrale sono stati trovati nove corni, dentro i quali veniva versato l'idromele (un prodotto fermentato ottenuto dal miele); solo uno di essi è metallico (gli altri sono di legno) e finemente decorato con lamine d'oro: probabilmente era destinato al defunto.

La profondità della camera di inumazione (posta a quasi 3 metri sotto il livello del terreno) e la fortificazione di pietre hanno permesso di conservare intatti gli oggetti, dando una testimonianza dell'alto livello delle decorazioni funerarie dell'epoca.

Advertisement

Una ricostruzione delle camera funeraria può oggi essere ammirata presso il Keltenmuseum di Hochdorf, mentre i reperti originali sono custoditi nel Landesmuseum di Stoccarda.

immagine: jnn95/Wikimedia
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie