15 strane creature acquatiche che ti faranno passare la voglia di tuffarti in acqua - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
15 strane creature acquatiche che ti…
14 interessanti oggetti, frutto delle ultime invenzioni tecnologiche 18 immagini che dimostrano che l'amore è tutto ciò di cui abbiamo davvero bisogno

15 strane creature acquatiche che ti faranno passare la voglia di tuffarti in acqua

6.395
Advertisement

Gli oceani ricoprono il 71% della superficie terrestre, con un volume d'acqua di circa 1,34 miliardi di km³. Come potete immaginare, non è affatto un'impresa semplice quella di mappare l'intero spazio occupato dagli oceani, e lo sono ancora meno la scoperta e la classificazione delle specie animali che vi abitano. Ciò che la scienza ha finora rivelato sulle creature che popolano le acque più profonde degli oceani è sorprendente, tanto da sbalordire per la varietà e la complessità con cui tali animali si presentano.

Il polpo Dumbo

Il cosiddetto polpo Dumbo (Opisthoteuthis californiana), scoperto durante una spedizione della National Oceanic and Atmospheric Administration nelle acque del Golfo del Messico, vive a circa 3.300 metri di profondità ed è caratterizzato da pinne che ricordano le orecchie dell'omonimo elefantino della Disney.

Lo squalo fantasma

immagine: NOAA/ Wikimedia

Lo squalo fantasma (Chimaera monstrosa) abita le profondità del tratto dell'Oceano Atlantico che va dall'Africa del Nord all'Islanda e risulta praticamente invisibile, data la sua scarsa capacità di riflettere la luce e la scarsissima presenza (o l'assenza) di quest'ultima nelle acque profonde. Tale caratteristica sembra aiutarlo particolarmente nella caccia, poiché le sue dimensioni (circa 1 metro) non risultano di certo equiparabili a quelle dei suoi cugini di superficie.

Advertisement

Melanocetidae

Esistono cinque diverse specie della famiglia Melanocetidae, tutte caratterizzate dal colore scuro del loro corpo - che gli permette di mimetizzarsi nelle oscure profondità abissali e di una lanterna bioluminescente ad intermittenza posizionata in prossimità delle fauci, la quale viene utilizzata come trappola per attirare i pesci più piccoli.

Uranoscopidi

La famiglia deglle Uranoscopidae comprende pesci ossei che vivono praticamente in tutti gli oceani e che sono caratterizzati da una testa molto grande e schiacciata, da un tentacolo nella bocca (per afferrare le prede) e da un metodo di caccia basato sulla mimetizzazione con la sabbia dei fondali.

Phronima

La Phronima è un crostaceo (tecnicamente un 'parassitoide') che vive negli oceani a circa 5.000 metri di profondità. Il suo corpo è semitrasparente, il che gli permette di sfruttare l'oscurità dell'habitat in suo vantaggio.

Advertisement

Il pesce ascia

L'Argyropelecus hemigymnus, comunemente noto come pesce ascia (a causa della sua forma), è un animale che abita a 1.500 metri di profondità e che produce luce grazie alle reazioni chimiche interne al proprio corpo.

L'Isopode Gigante

A più di 2.000 metri di profondità è possibile incontrare questo singolare crostaceo carnivoro (nome tecnico Bathynomus giganteus) che può arrivare a 75 cm di grandezza e che si nutre di carcasse di pesci - anche di quelli più grandi.

Advertisement

Il drago di mare

Lo Stomias boa (o drago di mare) è un pesce abissale che usa la luce prodotta dai suoi organi per cacciare le sue prede; sebbene viva nelle profondità, di notte questo animale può spingersi fino in superficie.

La Tiburonia granrojo

La Tiburonia granrojo è una medusa gigante cheha un diametro di circa 76 cm. Scoperta nel 2003, tale medusa vive a circa 1.500 metri di profondità, ma non è raro osservarla anche nelle acque superficiali del Pacifico.

Advertisement

Lo squalo dal collare

immagine: Ibolya/ Flickr

Considerato un fossile vivente, lo squalo dal collare (Chlamydoselachus anguineus) è uno degli animali più antichi attualmente conosciuti; la sua forma allungata lo rende molto simile ad una anguilla gigante, fatto che ne giustifica il nome scientifico.

Lo squalo goblin

Il Mitsukurina owstoni, meglio conosciuto come squalo goblin, è uno squalo abissale caratterizzato da una lunga protuberanza sulla parte superiore del muso che abita perlopiù nelle profondità delle acque del Giappone.

L'anguilla pellicano

immagine: Claf Hong/ Flickr

Caratterizzata da una incredibile apertura mascellare, simile appunto a quella dei pellicani, e da un organo luminescente che attira le prede al suo interno, l'anguilla pellicano (Eurypharynx pelecanoides) vive a 3.000 metri di profondità e può ingerire (come i serpenti) prede di dimensioni molto più grandi delle sue.

La rana pescatrice

La rana pescatrice (Lophius piscatorius) è un pesce carnivoro di forma conica e privo di squame che può raggiungere i 2 metri di lunghezza e i 57 kg di peso. Questo animale tende a restare affossato nella sabbia in attesa che qualche preda si posi o si avvicini alla sua enorme bocca.

La vipera di mare

Il pesce vipera, o vipera di mare (Chauliodus sloani) è un animale degli abissi lungo poco più di mezzo metro che vive a quasi 4.000 metri di profondità. È munito di affilatissimi denti che gli permettono di nutrirsi di praticamente tutti gli animali di piccole o medie dimensioni: la mandibola disarticolare, infatti, consente al pesce vipera di inghiottire anche animali più grandi.

Il boccanera

Il boccanera (Galeus melastomus) è un tipo di squalo relativamente piccolo che abita solitamente ad una profondità di 1.500 metri; tratti caratteristici di questo pesce sono gli occhi verdi e l'interno della bocca completamente nero, il che gli è valso il nome 'boccanera' e il soprannome "bocca d'inferno". Pur essendo un animale molto pescato, non è a rischio di estinzione.

Tags: AnimaliCuriosi
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie