Da Gennaio sarà possibile "restituire" i mobili IKEA e ricavarne buoni spesa per l'acquisto di nuovi prodotti - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Da Gennaio sarà possibile "restituire"…
Bitcoin: oggi una sola transazione consuma quanto una casa in una settimana Il cane che adottano al canile passa notti intere a fissare i padroni: il perché lo fa li lascia spiazzati

Da Gennaio sarà possibile "restituire" i mobili IKEA e ricavarne buoni spesa per l'acquisto di nuovi prodotti

8.924
Advertisement

L'azienda svedese IKEA ha sempre dimostrato di essere particolarmente attenta alle esigenze del cliente (anche di quelli a quattro zampe, con una linea tutta dedicata a loro), ma anche di essere sempre sulla cresta dell'onda in fatto di innovazione e sostenibilità ambientale. Uno dei progetti che mirano a ridurre l'impatto dell'azienda sull'ambiente ha il nome di Second Life. 

Second Life è il programma che renderà possibile "restituire" i mobili usati IKEA in un punto vendita e ricavarne dei buoni spesa.

immagine: pixabay.com

Avete capito bene, IKEA ha annunciato che inizierà a comprare i mobili del suo stesso marchio per reinserirli sul mercato, dando così la possibilità di ottenere dei buoni spesa e anche di acquistare prodotti usati ad un prezzo vantaggioso. 

L'intento è ovviamente quello di abbracciare a pieno l'economia circolare: IKEA per molti prodotti è considerato un negozio low-cost, il che spinge molte persone a non pensarci due volte a comprare un divano nuovo gettando via quello vecchio (ma non troppo).

Per evitare che i mobili IKEA vadano in pensione troppo presto, con un conseguente effetto sull'ambiente, il marchio svedese ha deciso di darsi al riciclo. 

Il progetto sembra aver pensato davvero a tutto: i mobili saranno ritirati a domicilio e la valutazione sarà fatta in base allo stato e alla data di produzione: i dirigenti assicurano che in molti casi sarà possibile recuperare fino al 60% della spesa iniziale. Il tutto inizierà il 1° Gennaio 2018, al momento solo in Svizzera. Per tre mesi si potranno restituire cassettiere, armadi, poltrone, mobili per ufficio e letti, a condizione che siano in buone condizioni e che rispettino i termini di sicurezza. 

L'idea è nata a seguito di un sondaggio che ha coinvolto più di 2000 clienti IKEA, i quali hanno per la maggior parte ammesso di avere mobili IKEA accatastati in cantine e garage e comunicato di essere felici di poter avere la possibilità di "restituirli". L'ennesimo esempio di come gli occhi del colosso dell'arredamento siano sempre puntati sul cliente! 

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie