Alcuni studiosi scoprono come usare l'urina per produrre energia elettrica e acqua potabile - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Alcuni studiosi scoprono come usare…
Come aiutare un figlio a reagire al bullismo senza ricorrere alla violenza Ha 50 anni, ma tutti la scambiano per la fidanzata del figlio: il suo segreto è una vita dedicata all'esercizio fisico

Alcuni studiosi scoprono come usare l'urina per produrre energia elettrica e acqua potabile

8.687
Advertisement

Alimentare le pile con microrganismi che generano energia elettrica nutrendosi di urina è una delle soluzioni emergenti nel mondo delle biotecnologie (e anche qualcosa di sensazionale). Ma se nel fare questo si riuscisse anche a uccidere gli agenti patogeni presenti nelle acque di scarico? È proprio questa la scoperta fatta da un team di ricercatori inglesi e, neanche a dirlo, ha del potenziale enorme.

Immagine di copertina: Hasan Zulic (Wikipedia) / spangdahlem.af.mil

Un progetto dalle molteplici applicazioni.

immagine: Fonte

Lo studio, gestito dai ricercatori della University of West England, inizialmente mirava a trovare un modo per rifornire di energia elettrica le zone colpite da disastri o i campi di rifugiati e a garantire un minimo di sicurezza alle persone attraverso l'illuminazione di quelle aree.

La tecnologia è quella delle pile a combustibile microbiologica (Microbial Fuel Cell - MFC), in cui i microbi si nutrono di materiali organici come appunto l'urina, alimentano la propria crescita e, nel fare questo, producendo piccole quantità di energia. Il sistema è stato ribattezzato "urinitricità" (pee power), ma ciò che di sensazionale hanno fatto gli scienziati è stato applicare la potenzialità disinfettante delle MFC ai sistemi di purificazione dell'acqua.

Per mettere in atto l'esperimento è stato utilizzato uno dei patogeni gastrointestinali più importanti, un ceppo del batterio Salmonella tipicamente causa di intossicazione alimentare; nel controllare i risultati del processo di purificazione dell'acqua gli studiosi hanno constatato quello che prima avevano solo osato sperare: i batteri patogeni erano stati distrutti così efficacemente che l'acqua così trattava risultava a tutti gli effetti potabile.

Come ha dichiarato uno dei microbiologi coinvolti nel progetto: "L'obiettivo è riuscire ad azzerare la presenza di quei batteri, ma intanto i risultati dimostrano che abbiamo a disposizione un sistema biologico stabile col quale trattare rifiuti, generare elettricità e impedire agli organismi nocivi di raggiungere la rete fognaria".

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie