Ritrovata in una stanza segreta in Argentina un'enorme collezione di manufatti nazisti - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Ritrovata in una stanza segreta in Argentina…
La NASA risponde al messaggio diffuso da Anonymous sulla scoperta di vita aliena Come passavano il tempo i bambini quando non c'erano gli smartphone? 15 foto per ricordarlo

Ritrovata in una stanza segreta in Argentina un'enorme collezione di manufatti nazisti

27 Giugno 2017 • di Giulia Bertoni
16.830
Advertisement

Sono almeno 75 i manufatti di matrice nazista che sono stati ritrovati in seguito a un'indagine della polizia federale argentina, inclusi alcuni che potrebbero essere stati usati da Hitler in persona.
Il ritrovamento è avvenuto all'interno dell'abitazione di un collezionista privato, in una stanza segreta, e potrebbe rappresentare il rinvenimento di questo tipo più importante della storia del paese verso il quale, come forse saprete già, fuggirono tantissimi generali nazisti subito dopo la disfatta del regime.

Un ritrovamento che, se autenticato, potrebbe rappresentare il maggiore mai fatto in Argentina.

immagine: abc.net.au

La stanza segreta ritrovata dalla polizia conteneva di tutto: lenti d'ingrandimento incise con svastiche, armoniche a bocca, diversi busti del Führer, strumenti per la misurazione delle teste (utilizzati dai nazisti per distinguere gli ariani dagli ebrei), coltelli, stemmi e molto altro.

immagine: ABC News

Alcune fotografie ritrovate insieme ai manufatti della Germania nazionalsocialista portano a credere che appartenessero ai membri dei ranghi alti dell'esercito, e alcuni potrebbero essere stati utilizzati dallo stesso Hitler (alcune immagini lo ritraggono con essi). Una di esse, in particolare, lo ritrae con in mano una lente d'ingrandimento ritrovata nella galleria-bunker e che gli esperti ritengono essere autentica, tuttavia maggiori approfondimenti saranno svolti da un team di studiosi internazionale.

Advertisement
immagine: ABC News

Gli investigatori dell'Interpol, guidati dal capitano Nestor Roncaglia, seguivano il collezionista che li nascondeva da quando alcuni pezzi erano stati esposti in una galleria d'arte locale. Una volta sopraggiunti alla sua abitazione, hanno notato una libreria dall'aspetto ambiguo che si è poi rivelata essere l'ingresso a una stanza segreta.
ABC News riporta qui la notizia:

Tags: ArgentinaStoriaWWII
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie