Dopo aver conosciuto l'etimologia di questi nomi non li "Vedrete" mai più allo stesso modo - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Dopo aver conosciuto l'etimologia di…
Girare il mondo facendo il dog sitter: questo portale offre una possibilità più unica che rara Invenzioni assurde e geniali al tempo stesso: l'utilità la lasciamo decidere a voi

Dopo aver conosciuto l'etimologia di questi nomi non li "Vedrete" mai più allo stesso modo

93.898
Advertisement

Scoprire l'etimologia dei nomi, ovvero la storia e l'origine delle parole stesse, può portare ad affascinanti sorprese: qualsiasi termine si dice in un determinato modo per un motivo, e questo motivo può essere davvero curioso. In molti casi l'origine la si ritrova in una delle parole della lingua antica di provenienza (così come le parole italiane provengono quasi tutte dal latino), ma in alcune occasioni il nome è legato all'identità di un personaggio storico più o meno conosciuto, di cui oggi rimane il ricordo proprio attraverso quella parola che usiamo così spesso. In questo articolo abbiamo raccolto alcuni esempi proprio di questo tipo: parole di cui non avreste mai sospettato un'etimologia simile...

1. La Regina Margherita e la Pizza Margherita

Una delle credenze che ruotano attorno all'alimento italiano per eccellenza vuole che nel 1889 la Regina d'Italia, Margherita di Savoia, si recò a Napoli. Qui chiese di mangiare quello che la gente consumava tutti i giorni, ma il cuoco Raffaele Esposito della Pizzeria Brandi, decise di fare una versione della pizza dedicata alla sua figura. La fece con degli ingredienti semplici e comuni nell'era partenopea, il pomodoro, la mozzarella e il basilico, che non a caso richiamano proprio i colori della bandiera italiana. 

Immagine: Wikipedia/Carolus | Pixabay

2. Jean Nicot e la nicotina.

Jean Nicot fu ambasciatore francese in Portogallo: il suo nome è legato strettamente alla nicotina, il costituente del tabacco che ha un'azione eccitante sul sistema nervoso, in quanto fu il primo ad introdurre il tabacco in occidente, in particolare alla corte di Francia (veniva chiamato l'herbe à Nicot). Nel 1550 spedì in patria i primi semi e successivamente ne promosse l'uso terapeutico per la cura dell'emicrania. 

Immagine: Wikimedia/Gravure publiée par l'éditeur Albin Michel | Maxpixel.freegreatpicture

Advertisement

3. Vittore Carpaccio e il carpaccio di manzo.

La pietanza di fettine sottilissime crude di carne di manzo viene comunemente chiamato carpaccio, in onore al pittore italiano Vittore Carpaccio. Si dice che il piatto nacque a Venezia, precisamente all'Harry's Bar nella metà del Novecento: qui si recò una contessa che, per motivi di salute, chiese al cuoco di cucinarle un piatto di carne non cotta. Giuseppe Cipriani le preparò il carpaccio, che arricchì con delle verdure i cui colori richiamavano proprio quelli delle tele del pittore della Repubblica di Venezia. 

 Immagine: Wimikedia/Karol K. | Maxpixel.freemegapicture

4. François Mansart e la mansarda.

François Mansart (Parigi, 23 gennaio 1598 – Parigi, 23 settembre 1666) fu un noto architetto parigino che pensò per la prima volta di costruire il tetto delle abitazioni in modo da ricavare uno spazio aggiuntivo proprio sotto la copertura. La mansarda è un elemento distintivo delle costruzioni francesi e prendono il nome proprio dal loro inventore. 

Immagine: Wikimedia/Shakko | Wikimedia/Ricce

5. Ernest Hemingway e il cocktail

Probabilmente è una dette etimologie più note, come è tra l'altro noto il fatto che ad Hemingway piacesse consumare alcol. Da lui prende il nome l'omonimo cocktail preparato con gin,vermut, ghiaccio e buccia di limone. Una bevanda che raccomandiamo solo ai palati forti! 

Immagine: Wikimedia/U.S. National Archives and Records Administration | Flickr/Krista

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie