Il sistema usato nell'antico Giappone contro i ladri: un pavimento dotato di un inusuale antifurto - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Il sistema usato nell'antico Giappone…
Rimane incinta nonostante la spirale: il giorno del parto si scopre dov'era finito il contraccettivo Passeggini del passato: così bizzarri che dovrete trattenervi dal ridere

Il sistema usato nell'antico Giappone contro i ladri: un pavimento dotato di un inusuale antifurto

08 Maggio 2017 • di Claudia Melucci
48.042
Advertisement

Spesso capita di sentire le persone anziane ricordare i loro tempi in cui, ad esempio, le porte delle case potevano essere lasciate aperte, non c'erano i moderni sistemi di chiusura blindata, e comunque i furti non erano all'ordine del giorno. Una situazione del tutto diversa da quella odierna: qualunque abitazione è oggi dotata di un sistema di allarme più o meno sofisticato, la cui efficacia però non è sempre quella sperata. C'è una tecnica antifurto molto curiosa, presente nelle antiche strutture giapponesi: il funzionamento è molto semplice ma così efficace da essere usata per molto tempo in oriente. 

In giapponese questa tecnica si chiama Uguisubari, nome che richiama un uccello che emette un suono molto particolare.

immagine: sodai gomi/Flickr

Come il volatile, anche i pavimenti delle case emettono un suono acuto udibile a centinaia di metri.

I templi e i santuari adottavano questo metodo antifurto per proteggersi dai ladri: i pavimenti erano posati a terra in modo da emettere un suono nel momento in cui venivano calpestati. Di notte, quando nessuno girava per l'abitazione, l'emissione del suono suggeriva la presenza di un intruso. Le guardie erano facilmente in grado di individuare il ladro, attraverso il luogo d'origine del suono. 

Anche il ritmo dei suoni emessi era un indizio: dei passi veloci, e quindi dei suoni concitati, appartenevano molto probabiomente ad un ladro. 

Advertisement

Il suono viene emesso dai chiodi delle doghe in legno che premuti dal passo, scivolano all'interno di un'asola metallica.

Le doghe dei pavimenti giapponesi non poggiano interamente a terra ma sono sospese ai lati da due pali in legno, in modo da avere un po' di gioco centrale quando ci si cammina sopra. Il suono può essere generato generato in diversi modi, ma sostanzialmente si tratta sempre di uno sfregamento tra due parti metalliche, una fissata sulle doghe e una ancorata alle travi laterali. 

Il sistema era a prova di ninja: neanche il passo felpato a cui erano addestrati riusciva a raggirare il suono stridulo dei pavimenti.

C'è la possibilità di sperimentare in prima persona i pavimenti suonanti visitando il Castello di Nijo, un'antica fortezza militare.

Ancora oggi gli ospiti che alloggiano all'interno del castello si affidano alla protezione dei "Uguisubari". 

Advertisement

Un sistema di allarme dal funzionamento decisamente inusuale... Ed efficace!

Curiosi di sapere come funzionano i pavimenti suonanti? Scopritelo con il video di questo turista in visita in una delle strutture che ancora possiedono questo sistema...

Guarda il Video:

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie