Invasione di insetti "alieni" a causa del caldo: quali sono i rischi e come difendersi - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Invasione di insetti "alieni" a causa…
Mary Jackson, la sconosciuta ingegnera di colore della NASA che portò gli USA nello spazio Un gruppo di alberi piantati in un campo: solo dall'alto si capisce cosa rappresenta questo luogo

Invasione di insetti "alieni" a causa del caldo: quali sono i rischi e come difendersi

15 Aprile 2017 • di Marco Renzi
13.650
Advertisement

Che il nostro clima stia cambiando è ormai sotto gli occhi di tutti. A confermarlo non ci sono solo le allarmanti immagini dei ghiacciai che si sciolgono o della desertificazione delle praterie: possiamo vivere i cambiamenti climatici nella nostra quotidianità, ogni volta che il clima sembra avere comportamenti stravaganti.

A farne le spese sono soprattutto i cicli naturali di animali e piante, impreparati a fronteggiare le ondate di caldo e siccità che spesso si presentano fin dai primi mesi dell'anno. Ma c'è anche il rovescio della medaglia: per molte specie animali e vegetali il riscaldamento globale è una vera benedizione, poiché permette loro di colonizzare aree del pianeta che prima erano interdette.

Ma quali possono essere le conseguenze?

via: ansa.it

A dare l'allarme sono gli esperti della Società Italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica (SIAAIC) durante il congresso nazionale a Firenze.

Stando ai dati, in Italia si stanno diffondendo a macchia d'olio le colonie di insetti non autoctoni, che vengono trasportati dall'uomo o viaggiano da soli alla conquista di nuove terre da abitare. Nella maggior parte dei casi questi insetti non sono più aggressivi dei nostri, ma sono la loro quantità e il loro veleno ad essere pericolosi.

Aumentando infatti il numero di insetti per le condizioni climatiche favorevoli, aumenta anche il rischio di essere punti. Inoltre i veleni delle specie migranti possono trovarci impreparati in termini di vaccini, diagnosi e terapie di recupero. Tanto più che queste specie possono incrociarsi con le nostre per creare veleni ad oggi sconosciuti.

La vespa orientalis per esempio (prima foto), proveniente dal sud-est europeo e presente solo in Sicilia, sta risalendo velocemente la penisola; la vespa velutina (seconda foto) è arrivata dalla Cina e si è stanziata in alcune regioni del nord.

Ad oggi le morti annuali per punture di insetto sono circa 50, e speriamo non siano destinate ad aumentare.

Un ottimo rimedio, almeno contro le specie autoctone, per i 400.000 allergici gravi italiani è la vaccinazione: il vaccino è efficace al 97% contro il veleno degli imenotteri, ma solo un paziente su 7 lo sceglie.

Come afferma Gianrico Senna, vicepresidente SIAAIC, come sempre è fondamentale informarsi e, in caso di pericolo, consultare immediatamente un allergologo per valutare la vaccinazione: può davvero fare la differenza!

Tags: AnimaliSalute
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie