Sono i legumi con la percentuale di proteine più alta ma li abbiamo dimenticati: riscopriamo i lupini - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Sono i legumi con la percentuale di…
11 disastri ai fornelli che vi faranno passare la voglia di entrare in cucina Salvano un gatto

Sono i legumi con la percentuale di proteine più alta ma li abbiamo dimenticati: riscopriamo i lupini

96.901
Advertisement

Quando si parla di legumi ricchi di proteine si pensa subito a fagioli e ceci ma c'è un'altra pianta a cui dovremmo ricorrere in primo luogo: si tratta degli sfiziosi lupini, legume mediterraneo coltivato sin dai tempi dell'antica Grecia dalle numerose proprietà nutrizionali e con una percentuale di proteine vegetali paragonabile a quella dei fagioli di soia e a quelle di carne e uova. Per questo motivo vengono anche definiti la "carne dei vegetariani" ma i benefici che possiamo trarre da questi semi sono anche altri, scopriamoli!

immagine: wikipedia.org

Oltre a essere un alimento che ogni vegetariano o vegano dovrebbe consumare regolarmente, i lupini possono essere considerati un alimento con proprietà nutrizionali ottime in generale: naturalmente privi di glutine, sono particolarmente ricchi di fibre (2.8 gr per 100 gr di prodotto) e quindi utili per la depurazione dell'organismo; sono inoltre una fonte di vitamine e sali minerali importante, soprattutto per quanto riguarda l'acido folico nell'ambito delle vitamine (15%), e il magnesio (14%) e il manganese (34%)* per i sali minerali.
I lupini possono essere consumati come spuntino o come antipasto, ma si prestano bene anche alla preparazione di burger vegetali e possono essere acquistati sotto forma di farina (è una farina che tende a mantenere le proprietà dell'alimento integro e può essere usata per qualsiasi tipo di preparato salato, dalla pasta al pane).
Due consigli: il consumo frequente di lupini in salamoia è sconsigliato per chi ha problemi di ipertensione o cardiaci; al loro interno è presente una sostanza tossica, la lupinina, che viene rimossa attraverso la cottura o la salamoia stessa, ma se non sapete come prepararli vi consigliamo di acquistare solo quelli già cotti.

*le percentuali indicano il fabbisogno giornaliero che apporta questo alimento consumato nella quantità di 100 grammi.

Tags: CucinaSalute
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie