L’uso del pellet NON è eco-sostenibile: uno studio rivela l’errore dei governi e delle industrie - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
L’uso del pellet NON è eco-sostenibile:…
13 trovate pubblicitarie che ci hanno colpito per genialità 11 cose che probabilmente non sapete sul disastro di Pompei

L’uso del pellet NON è eco-sostenibile: uno studio rivela l’errore dei governi e delle industrie

20.454
Advertisement

Uno studio del Royale Institue of International Affairs ha scoperto che l’uso del pellet come combustibile per il riscaldamento e per la produzione di energia elettrica è inquinante. L’Unione Europea aveva inserito il legno nell'elenco delle energie rinnovabili per delle buone motivazioni, ma appena è stato definito fonte rinnovabile il suo utilizzo è aumentato incredibilmente. Pensate che oggi in Europa si produce il 65% dell’energia elettrica “rinnovabile”, il problema è che la combustione di biomasse (come il pellet) non è affatto rinnovabile ma produce più anidride carbonica di quanta le nostre giovani foreste possano smaltirne.

immagine: wikimedia

Alcuni governi erano sotto pressione perché dovevano abbassare la produzione di emissioni di CO2 e hanno fornito sussidi alle aziende per utilizzare questo “nuovo tipo di fonte rinnovabile” ma fu un errore. Queste idee secondo le quali la combustione di biomasse è una fonte di energia rinnovabile si basano su un presupposto sbagliato: reintroducendo le piante al posto di quelle che sono state tagliate non si ottiene un equilibrio nelle emissioni: le giovani foreste non sono in grado di assorbire tanta CO2 quanto le vecchie. Se poi ci aggiungiamo il legno importato, l'equilibrio delle emissioni diventa completamente sballato. Inoltre, se aggiungiamo le emissioni prodotte per il trasporto dei materiali i conti non tornano!

“Un conto è se la legna viene tagliata per costruire mobili, un altro è se la si brucia” le parole di Duncan Brack, autore dello studio, che spiega un ulteriore problema nel conteggio delle emissioni da parte dell’UE. Il ricercatore spiega che le combustioni della legna importata dall'estero non vengono conteggiate nel bilancio delle emissioni, il quale risulta perciò completamente campato in aria rispetto ai valori reali di anidride carbonica rilasciata nell'atmosfera. Andrebbe rivisto l’intero programma delle energie rinnovabili e eliminato il legno dall'elenco, è più dannoso che utile ai fini dell’eco-sostenibilità e abbiamo veramente bisogno di fare qualcosa oggi!

Advertisement
immagine: pixabay.com
Tags: GreenAmbiente
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie