Un cratere in Siberia che cresce a velocità spropositata: la triste verità dietro "La porta degli inferi" - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Un cratere in Siberia che cresce a velocità…
Soggiorno e volo gratis per andare a fare un colloquio in Nuova Zelanda: cosa aspetti a candidarti? Gatti che non hanno la MINIMA concezione della privacy: ecco le loro leggendarie incursioni

Un cratere in Siberia che cresce a velocità spropositata: la triste verità dietro "La porta degli inferi"

06 Marzo 2017 • di Silvia Ricciardi
21.899
Advertisement

In Siberia gli abitanti della Jacuzia temono di avvicinarsi alla voragine situata a 660 chilometri a nord, vicino alla città di Batagai. Si tratta di una profonda depressione, ribattezzata "la porta degli inferi", che si è spalancata circa 25 anni fa ed ora non accenna ad arrestarsi.

Col passare degli anni la porta degli inferi ha raggiunto dimensioni enormi con una velocità che non fa ben sperare (negli ultimi 10 anni la depressione ha cominciato a sprofondare ad una velocità di 10 metri l'anno) e questo a causa dei drammatici cambiamenti climatici che la Terra sta inevitabilmente accusando. Ma vediamo più nel dettaglio come si sta evolvendo la situazione e cosa è stato scoperto più recentemente.

A causa dell'innalzamento delle temperature il permafrost, lo strato che normalmente è perennemente ghiacciato, si è sciolto, causando il collasso del terreno e l'apertura della "porta degli inferi".

La depressione è arrivata ad essere profonda più di 100 metri, per una lunghezza di oltre 1 chilometro, e si crede che in pochi mesi possa raggiungere la valle vicina.

Advertisement

Ma non è tutto: recentemente i paleontologi hanno trovato i resti di un bisonte, di cavalli e di un mammut, quest'ultimo risalente a 4.400 anni fa.

immagine: Julian Murton

"Stiamo cercando di vedere se il cambiamento climatico avvenuto durante l'ultima era glaciale in Siberia sia stato caratterizzato da una notevole escursione tra riscaldamento e raffreddamento proprio come sta avvenendo ora", ha detto Julian Murton, geologo presso l'Università del Sussex che ha viaggiato per la zona e ha condotto lo studio, solo così si potrà capire come procedere al meglio delle possibilità dell'essere umano.

Tags: RussiaCuriosiNatura
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie