5 brillanti donne dimenticate da tutti per il solo fatto di essere... donne - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
5 brillanti donne dimenticate da tutti…
Cosa non farebbe un padre per un figlio: ecco un genitore da prendere ad esempio!

5 brillanti donne dimenticate da tutti per il solo fatto di essere... donne

19.482
Advertisement

Non sono stati solo uomini a portare avanti il progresso della scienza, della medicina ed a spiccare negli ambienti artistici, sebbene nelle scuole si venga a conoscenza essenzialmente di figure maschili. Purtroppo nel passato le donne godevano di molte meno libertà rispetto ad oggi, e poche di esse sono riuscite a far conoscere il loro nome e i loro traguardi. 

Proviamo a porre rimedio a questo vile errore con questo articolo, dando visibilità ad alcune donne che hanno fatto la differenza in diversi ambiti culturali. 

La genetista Barbara McClintock.

Lavorava nell'Università del Missouri, dove scoprì che i cromosomi possono riparare eventuali fratture della loro struttura. Nessuno le riconobbe il merito per tale scoperta. Entrò poi nel centro di ricerca di Cold Spring Harbor Carnegie Foundation di New York. 

Anche qui arrivò a scoprire un processo genetico fondamentale: il crossing over. Al contrario di quanto si sosteneva fino ad allora, la McClintock dimostrò che i cromosomi possono scambiarsi alcuni dei loro geni ed aumentare la variabilità genetica. 

Nel 1962 un gruppo di ricerca costituito da uomini arrivò agli stessi risultati della genetista, e solo allora furono presi in considerazione. 

immagine: cracked.com
Advertisement

Nel 1983, al termine della sua carriera,  Barbara ricevette il premio Nobel. 

immagine: cracked.com

Margaret Kane e i suoi quadri dai grandi occhi.

immagine: Margaret Keane

Negli anni '60 le gallerie furono prese d'assalto da chi voleva accaparrarsi a tutti i costi un quadro realizzato da Walter Keane: la particolarità delle tele erano i personaggi dipinti con dei grandissimi occhi.

Dietro tutto questo successo si nascondeva però un'ignobile verità: Walter Keane non aveva dipinto nessuno di quei quadri, ma era stata la moglie Margaret

immagine: margaretkeane.com

Mr. Keane sosteneva la folle idea che gli acquirenti prendevano più di buon occhio le opere realizzate da un uomo. 

La verità venne fuori quando la donna chiese il divorzio dal marito. Per dimostrare a tutti la sua incapacità nella pittura lo sfidò a dipingere un quadro in pubblico: Walter Keane si rifiutò e la sua popolarità iniziò a scemare. 

La vicenda finì in tribunale insieme all'accusa di maltrattamenti nei confronti del bambino avuto durante il matrimonio. La causa fu vinta dalla donna che ricevette un risarcimento di 4 milioni di dollari. 

Advertisement

Artemisia Gentileschi, la pittrice dimenticata.

immagine: wikipedia.org

La prova che il mondo dell'arte è stato per secoli prettamente dominato da figure maschili, la fornisce la storia di Artemisia Gentileschi. 

Lavorava nella bottega del padre dove aveva dimostrato di essere dotata di talento già dall'adolescenza. Tuttavia la sua carriera si interruppe quando un uomo la violentò.

Per dimostrare la sua innocenza riuscì a convincere alcuni conoscenti ad affermare in tribunale di aver avuto ripetuti rapporti con la giovane, in modo da farla passare per prostituta. 

immagine: wikipedia.org

Non bastarono le bugie e le diffamazioni: durante il processo la giovane venne sottoposta a dei dolorosi test ginecologici per provare l'onestà degli uomini. 

La sua reputazione venne danneggiata per sempre: cambiò città ma non bastò a riemergere nell'ambiente artistico. Continuò comunque a dipingere, raffigurando spesso donne assalite e violentate da uomini. 

Advertisement

È stato grazie al maestro critico italiano Roberto Longhi cheil nome di Artemisia Gentileschi fu conosciuto.

immagine: Judit

Rosalind Franklin: la ricercatrice derubata.

immagine: Vittorio Luzzati

Rosalind Franklin è stata una ricercatrice pioniera nell'ambito della biologia e della genetica. I suoi studi si sono focalizzati essenzialmente sul DNA, ma solo dopo la sua morte le sono stati riconosciuti i risultati raggiunti. 

Lavorava nel Kings College di Londra in cui però veniva trattata sempre come assistente del professor Maurice Wilkins e mai come una sua collega: fotografò per la prima volta la struttura del DNA, grazie alla tecnologia a raggi X. 

Advertisement

La sua scoperta risultò fondamentale negli studi dei dottori Watson e Crick, famosi per le scoperte inerenti al DNA: il professor Wilkins diede loro la fotografia realizzata dalla Franklin senza il suo permesso.  

Nel 1962 Francis Harry Compton Crick, James Dewey Watson e Maurice Hugh Frederick Wilkins ricevettero il premio Nobel per la medicina: Rosalind Franklin non venne nemmeno menzionata

La brillante mente di Emilie du Chatelet.

immagine: Marianne Loir

Emilie du Chatelet fu una donna aristocratica francese, nata nel 1706: aveva una spiccata intelligenza ed era convinta ad usarla. Per questo motivo la madre decise di rinchiuderla in un convento.

Fu il padre a salvarla, che invece le fece studiare le scienze portandola sempre con sé negli ambienti intellettuali francesi. La sua intelligenza fece innamorare perfino il filosofo Voltaire. Tuttavia nessuno conosce il suo nome per il semplice fatto di essere stata una donna. 

Tags: DonneStoria
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie