Niente più camion per trasportare la birra: arriva dal Belgio il primo "birradotto"! - Curioctopus.guru
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Niente più camion per trasportare la…
Le comunità hippy degli anni '70: ecco 14 foto che vi apriranno gli occhi L'antica arte della pittura su ragnatela: scoprite gli ultimi ritratti rimasti realizzati con questa tecnica

Niente più camion per trasportare la birra: arriva dal Belgio il primo "birradotto"!

20 Dicembre 2016 • di Silvia Ricciardi
7.406
Advertisement

Siamo in Bruges, una città a nord-ovest del Belgio, che risulta essere uno tra i maggiori produttori di birra in Europa, e proprio lì una birreria, con cinque secoli di storia alle spalle, birreria che tutti i giorni trasportava il suo prodotto da una parte all'altra della città, fino alla fabbrica d'imbottigliamento, ha deciso di cambiare tattica!

Invece di utilizzare decine di camion per permettere alla bevanda di essere trasportata, la birreria De Halve Maan ha optato per una soluzione più ecologica, diminuendo il traffico di mezzi pesanti. Di cosa si tratta? Ma di un pratico ed ingegnoso "birradotto"!

La soluzione trovata dall'azienda è la costruzione di un "birradotto", un oleodotto che trasporti birra attraversando tutto il centro di Bruges.

immagine: wsj.com

"La scelta non dipende solo da ragioni economiche, ma anche da considerazioni ambientali" spiega Xavier Vannaste, direttore generale del birrificio.

Advertisement

Ci sono dei precedenti, uno in Germania e uno in Ohio, negli Usa, ma questi birradotti erano lunghi solo pochi metri e servivano per attraversare la strada.

immagine: dailymail.co.uk

Ora, invece, si tratta di un oleodotto lungo 3 chilometri e capace di trasportare 6000 litri di birra ogni ora, dalla fabbrica di imbottigliamento alla birreria!

E allora? Non ci resta che rendere omaggio a questo lavoro che, ponendosi contro l'inquinamento, ha dimostrato che i grossi cambiamenti sono possibili.

immagine: oneworldnews.com
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie